giovedì, Febbraio 21Settimanale a cura di Valeria Sorli

CURIOSITA’

A Bormio, lo Chalet più alto d’Europa

A Bormio, lo Chalet più alto d’Europa

CURIOSITA', EVIDENZA
  Le montagne lombarde sono la nuova destinazione trendy per la settimana bianca… e ospitano lo chalet dei sogni! Le montagne lombarde battono le mete invernali storiche come Cortina e Campiglio entrando nella top 5 delle destinazioni sciistiche più in voga secondo Airbnb. Bormio, Livigno, Ponte di Legno, Aprica incoronate destinazioni sulla neve più cool del 2019. Non a caso è proprio Bormio ad ospitare lo chalet più desiderato del momento. Si chiama Chalet Levissima 3000 ed è lo Chalet più alto d’Europa . Prenotabile su Airbnb al link: https://www.airbnb.com/rooms/27543672 Posizionato a oltre 3000 metri d’altezza, tra le montagne che si affacciano sul Parco Nazionale dello Stelvio, questo chalet regala un’esperienza ad alta quota senza eguali. Raggiungibile sol
Il Castello di Santa Severa:  ospitalità, cultura e spettacolo a un passo dal mare

Il Castello di Santa Severa: ospitalità, cultura e spettacolo a un passo dal mare

CURIOSITA', EVIDENZA
  Il Castello di Santa Severa è meravigliosamente tornato alla vita. Con l’apertura di un ostello al suo interno (inaugurato a fine aprile alla presenza del Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, dell’assessore al Turismo  Lorenza Bonaccorsi e dell’assessore al Bilancio e Patrimonio Alessandra Sartore) e dell’Innovation lab è infatti giunto a compimento il progetto della Regione Lazio mirato a consolidare il ruolo di questo antico (XI secolo d.C.) e spettacolare sito quale polo culturale e turistico di riferimento per abitanti della zona e visitatori di tutte le età, anche in virtù dei nuovi allestimenti museali ideati dallo studio dell’architetto Carlo Lococo e diretti da Flavio Enei, e dell’arrivo della fibra che ha permesso di dotare di wifi l’intero complesso. Ri
Il Castello di Piovera

Il Castello di Piovera

CURIOSITA'
  Immaginate un maniero. Antico, affascinante, mistico, vivo e trasudante di storia. Non serve fare il giro del mondo per catapultarsi in una magnifica residenza sabauda attualmente proprietà della famiglia Calvi di Bergolo. Dal 1967 Niccolò e la moglie Annamaria (ora insieme anche al figlio Alessandro) sono entrati in possesso di questo angolo di Monferrato, punto di raccolta delle energie di torrenti e fiumi, simbolo di un territorio e una cultura da cui viene emanata continuamente, linfa di novità e rinnovamento, legata alle nobili casate regnanti. Vi soggiornò Napoleone e per la sua morte alcuni muri vennero dipinti di nero. I Savoia e le altre famiglie reali hanno vincoli di parentela stretti col castello e i genitori del Conte Niccolò, gentilissimo anfitrione nell’accompa