martedì, Giugno 18Settimanale a cura di Valeria Sorli

CINEMA

Cops. Una Banda di Poliziotti

Cops. Una Banda di Poliziotti

CINEMA, PRIMAPAGINA
Una nuova serie televisiva italiana, prodotta per Sky Cinema, sta prendendo corpo tra Roma e la Puglia: il suo titolo è “Cops. Una Banda di Poliziotti”. È una commedia diretta da Luca Miniero, con protagonista Claudio Bisio e potrebbe essere suddivisa in sei diverse puntate. Nel cast: Stefania Rocca, Pietro Sermonti, Dino Abbrescia e Giulia Bevilacqua. La vicenda narrata viene così riassunta: «In una piccola cittadina di provincia da molti anni nessuno commette reati di alcun genere. Un giorno arriva in loco un’emissaria del Ministero dell’Interno e fa presente alle autorità il proposito di chiudere il Commissariato di Pubblica Sicurezza, in quanto - in assenza di crimini - la struttura è soltanto una voce di spesa, che grava sulle finanze pubbliche...» Questa fiction italiana, a
Cinema: A Mano disarmata

Cinema: A Mano disarmata

CINEMA, EVIDENZA
  Un filo sottile collega il regista del film «A Mano disarmata» al titolo qui già presentato («Il Traditore»). Claudio Bonivento - infatti - aveva dedicato proprio al giudice Falcone la serie “L'Attentatuni. Il grande attentato” andata in onda nel 2001 su Rai 2. E oggi racconta una altra storia vera, quella di Federica Angeli, la cronista che abita ad Ostia: «Ero in casa. Sentii dalla strada un uomo che urlava: ‘Non sparare, fermo!’. Poi due colpi di pistola. Mi affacciai al balcone, come tanta altra gente, e vidi la scena. In strada c’erano degli uomini che correvano...». Erano esponenti di clan rivali. Per questa testimonianza, e per il suo lavoro, la donna riceverà minacce di morte, che la costringeranno a vivere sotto scorta permanente. «A Mano disarmata» (Italia 2019. 10
I 3 film cult di Cannes 2019

I 3 film cult di Cannes 2019

CINEMA, PRIMAPAGINA
Calato il sipario sul Red Carpet più famoso del mondo, è il momento di alzarlo nuovamente sul grande schermo: come avevamo già anticipato la scorsa settimana, l’edizione n. 72 del Film Festival di Cannes è stata veramente ricca di film interessanti, alcuni dei quali diventeranno autentici cult. Quali sono da non perdere assolutamente? Vediamoli insieme. Once upon a time in Hollywood Il Red Carpet è diventato una Walk of fame: Tarantino, Di Caprio, Pitt hanno spopolato in Croisette, calamitando l’attenzione di tutti e trasformando la première in un autentco evento mediatico. La pellicola, di quasi 3 ore, è stata accolta da un lunghissimo applauso ( 6 minuti di standing ovation) e dalle prime recensioni i giudizi sono più che mai positivi: Once Upon a Time in Hollywood s’incentra su
Cinema: Si Vive una Volta sola

Cinema: Si Vive una Volta sola

CINEMA, PRIMAPAGINA
Carlo Verdone ha iniziato a girare Lunedì 27 Maggio il suo nuovo film dal titolo provvisorio Si Vive una Volta sola., che fa il verso all'Agente 007 («Si Vive solo due Volte»). Ed è la prima volta, dopo aver diretto 26 titoli per il grande schermo, che il regista ambienta un proprio lavoro in Puglia. E c'è una prima volta in un suo lungometraggio anche per i protagonisti: l'attrice Anna Foglietta e l'attore Rocco Papaleo, i quali interpretano la vicenda insieme a Max Tortora ed allo stesso Verdone, che ha curato anche la sceneggiatura e che ha scritto i testi con Nicola Guaglianone e Menotti. Secondo le prime indiscrezioni si tratta di una commedia sentimentale, quasi un road movie: «È Ferragosto. Umberto è un medico specialista in chirurgia estetica e si avvale della collaborazi
Ted Bundy: Fascino criminale

Ted Bundy: Fascino criminale

CINEMA, PRIMAPAGINA
Regia: Joe Berlinger Anno: 2019   Si stima abbia ucciso più di trenta giovani donne negli anni '70, attirandole con il suo carisma e il suo fascino: in quegli anni Ted Bundy diventò un vero e proprio incubo soprattutto per le studentesse universitarie, vittime di uno tra più spietati serial killer d'America. Ted Bundy – Fascino criminale è una sorta di spaccato di quel turbolento periodo e mostra il lato più quotidiano di un giovane e brillante studente di legge (Zac Efron) che si innamora di una ragazza sola (Lily Collins) con figlioletta da crescere e con lei vive anni d'amore e di tenera intimità famigliare. Nessuno potrebbe sospettare che dietro quella faccia da bravo ragazzo, dietro quel sorriso rassicurante e quei modi premurosi si nasconde un perverso criminale. Il
Cinema: Il traditore

Cinema: Il traditore

CINEMA, PRIMAPAGINA
La storia di Tommaso Buscetta rivive in un film drammatico e coinvolgente, che vede la luce proprio in occasione dell'anniversario della strage, avvenuta il 23 Maggio 1992 a Capaci. Il titolo (Il Traditore) sembra individuare il famoso pentito di mafia. Ma Pierfrancesco Favino, che ne veste con convinzione i panni, riporta alcune parole che sembrano smentire subito questa etichetta: «Io sono stato e resto un uomo d'onore. Sono loro che hanno tradito gli ideali di Cosa nostra. Per questo io non mi considero un pentito». E Marco Bellocchio - che ha curato regia e sceneggiatura di questo film, l'unico italiano in concorso al Festival di Cannes per la “Palma d’Oro” - spiega: «In verità chi ha veramente tradito i principi sacri di Cosa Nostra non è stato Buscetta, ma sono stati Totò R
Jack Dawson? Un mito senza tempo, come Titanic.

Jack Dawson? Un mito senza tempo, come Titanic.

CINEMA, PRIMAPAGINA
  Titanic è imprescindibilmente legato a Kate Winslet e Leonardo DiCaprio, una conditio sine qua non che ha accompagnato Titanic Live attraverso un altro evento: il #TitanicLive. Protagonista dell’iniziativa è stata Laura Bartoli, mente del sito www.leodicaprio.it e delle relative pagine social, uno dei fan club più attivi ed organizzati a livello mondiale. Laura, digital strategist in un’importante agenzia di comunicazione, guida questo progetto da diversi anni insieme all’amica Giulia Fiordisaggio, mossa sia dalla passione per DiCaprio e soprattutto per il mondo del cinema. In occasione dell’arrivo di Titanic Live in Italia è stata organizzatrice di un incontro di appassionati e followers che dal mondo social hanno seguito l’evento dapprima attraverso interviste esclusi
Cinema: Pinocchio

Cinema: Pinocchio

CINEMA, PRIMAPAGINA
«C'era una volta un pezzo di legno qualunque, che andò, non so come, a finire nella bottega di un vecchio falegname, soprannominato Maestro Ciliegia, a causa della punta del suo naso, sempre lustra e paonazza come una ciliegia matura...» Con queste parole incomincia nel 1883 la fiaba senza tempo del burattino, che diventerà famoso e dalla quale saranno tratte numerose opere letterarie, filmiche e musicali. L'ultimo remake di «Pinocchio», voluto fortemente da Matteo Garrone, è in avanzata fase di lavorazione. Ha battuto il primo ciak lo scorso 18 Marzo a Sinalunga, in Valdichiana, ove è stato ricostruito il fantastico Villaggio di Geppetto nella tenuta “La Fratta”, ai confini tra le province di Siena ed Arezzo, nella Toscana cara a Carlo Lorenzini detto “Collodi”. Ma andiamo per ordine.
Titanic live: Sogno ad occhi aperti

Titanic live: Sogno ad occhi aperti

CINEMA, PRIMAPAGINA
E’ stato un grande evento, epico e unico: Titanic anche nella versione Live non poteva essere diversamente. Il film cult di James Cameron a distanza di 20 anni non passa mai di moda, accomunando intere generazioni e stregando un pubblico che non conosce età; questa volta però non è stata una nuova masterizzazione del film bensì la sua rappresentazione in un cineconcerto, uno show davvero sensazionale reso tale grazie alla presenza dell’Orchestra Italiana del Cinema che hanno suonato dal vivo la colonna sonora parallalelamente alla proiezione del film.   Come ha ribadito più volte Cameron, Titanic necessita di situazioni imponenti per raggiungere la sua massima espressione, proprio come queste: AvexClassicsInternational e Forum Music Village, in collaborazione con l’Orches
Cinema: Non sono un Assassino

Cinema: Non sono un Assassino

CINEMA, EVIDENZA
  «Non sono un Assassino»: queste parole le pronuncia con voce ferma il vicequestore Francesco Prencipe quando si rivolge, all'interno di un Wc delle donne, al Pubblico Ministero. A parte la spiacevole e imbarazzante situazione, il protagonista del film, Riccardo Scamarcio, parla così a Claudia Gerini, la quale interpreta nel processo (su cui si basa l'omonimo film) l'accusa che riguarda l'omicidio del magistrato Mastropaolo. Poiché questo dialogo avviene alla metà del legal thriller (che dura 110'), occorre seguire con attenzione dalla prima fino all'ultima scena l'intera vicenda: «C'è un primo livello lineare di svolgimento, ma – all'interno dello stesso – c'è un secondo livello, più articolato e complesso»: è proprio l'attore a offrire questa chiave di lettura, durante l'ante