lunedì, dicembre 17Settimanale a cura di Valeria Sorli

Alviero Martini

Alviero Martini: Gelo a Santa Fe

Alviero Martini: Gelo a Santa Fe

Alviero Martini, PRIMAPAGINA
Stati uniti d’America, New Mexico, aeroporto di Albuquerque, destinazione Santa Fe. A fine anni '90, come già ho scritto più volte, mi spostavo da una città all’altra per le famose personal appaerance, ovvero mi presentavo nei grandi shopping center, e nel reparto pelletteria, che fosse Blomingdale’s, Saks Fifth Avenue, o Macy’s, allestivano un evento speciale, per farmi incontrare con i Clienti che volevano vedere di persona chi c’era dietro il marchio, cosi avveniva per me e per tutti gli stilisti o celebrities, come ho già raccontato di Liz Taylor per il suo profumo, o Cindy Crawford per la sua line di lingerie, tutti dovevamo incontrare il pubblico, a quei tempi non era ancora in uso la moda dei selfie, e dunque bastava un autografo o una stretta di mani per rassicurarli che eravam
Oman: Terra ospitale e sorprendente

Oman: Terra ospitale e sorprendente

Alviero Martini
  L’Oman è una terra compressa nel modo islamico, per collocazione geografica, ma in realtà è molto diversa dagli altri Paesi del Golfo. Dubai e Kuwait esclusi, se negli altri Stati vige uno stile di vita a tratti incomprensibile a noi, che ci impone regole ferree, tra abbigliamento, e coprifuoco nell’ora della preghiera, in Oman il rispetto per la religione musulmana è sacra, ma il visitatore non è soggetto a rigide imposizioni, anzi, è il benvenuto nel paese più ospitale di tutta l’area medio orientale. Naturalmente va da sé, che come in ogni paese al mondo, dobbiamo rispettare chi ci ospita, e qui si rimane veramente sorpresi per il calore umano, per il senso dell’ospitalità e per la grande civiltà che si percepisce, un Paese di cui i media non parlano quasi mai, il sultanat
Tutto in cucina!

Tutto in cucina!

Alviero Martini, PRIMAPAGINA
Negli anni'90, erano di moda  personaggi come le TOP MODEL e gli STILISTI, mentre altre categorie professionali sono rimaste invariate, o con qualche piccolo mutamento. Noi eravamo celebrati dalla stampa con una tale attenzione che non passava giorno senza interviste, copertine,articoli, opinioni, per non parlare poi della ossessiva richiesta di fotografare le nostre case. Io, che nella vita ho fatto 28 traslochi, (si chiama sindrome di Ulisse, ovvero la necessità di muoversi–traslocare-spostarsi con frequenza), immaginate quanto lavoro ho dato da fare ai fotografi e alle case editrici! Con la popolarità, ogni casa, 5 differenti a Milano dal ’90, ognuna è stata fotografata almeno 6-7 volte per testate differenti, e quelle internazionali naturalmente pubblicavano il servizio con l
Il futuro del mondo: L’infanzia

Il futuro del mondo: L’infanzia

Alviero Martini, PRIMAPAGINA
“Il mondo salvato dai ragazzini”, era una poesia della grande Elsa Morante, (anche se il titolo era centrato su un contenuto differente), a me piace  pensarlo in ogni situazione riflessiva sul nostro futuro… Già, saranno proprio i bambini, se ben educati, a guidare il mondo, a gestire il futuro, a salvare il nostro pianeta. Dunque, il patrimonio più importante sono proprio loro, i bimbi. Eppure oggi, in ogni parte del mondo patiscono durissime carestie, soffrono per malnutrizione, o addirittura per la fame, sfruttati con durissimi lavori. Ignobili le discriminazioni che sono costretti a subire, il bullismo infamante, i maltrattamenti da parte di indecenti genitori, ragazze madri che gettano il neonato nella spazzatura… tutto questo è ripugnante, incredibile, impensabile, tuttavia
Alviero Martini: Aeroporti di tutto il mondo

Alviero Martini: Aeroporti di tutto il mondo

Alviero Martini, PRIMAPAGINA
Su come si scrive aeroporto è possibile discutere molto. Le versioni, ufficiali e non, sono tante e anche i sostenitori individuali delle due possibili forme di scrittura, tra cui aeroporto e “aereoporto”, sono molti. Stando a quanto afferma l’Accademia della Crusca, che stabilisce le principali regole filologiche della lingua italiana, la forma corretta è AEROPORTO. Il prefisso “aero” sta a indicare l’aria, e l’aeroporto indica dunque il porto per tutti quei mezzi che viaggiano attraverso l’aria. La parte linguistica “porto”, che compone la seconda metà della parola aeroporto, sta invece a indicare, appunto, un posto di attracco per alcuni tipi di veicoli. Per via della storia e dell’origine di vari tipi di mezzi, la parola “porto” è stata precedentemente
Usanze e costumi dall’Arabia al Giappone

Usanze e costumi dall’Arabia al Giappone

Alviero Martini, PRIMAPAGINA
“Paese che vai, usanza che trovi!” dice un sensato proverbio, come del resto lo sono tutti i proverbi che provengono dal popolo, e vox populi, si sa, ha sempre un fondo, se non una cima di verità. Alle usanze che incontri ti puoi abituare, accettarle, rifiutarle, o evitarle se sai anticipatamente qual è il prezzo da pagare. Nel 2012, parliamo quindi di “era moderna”, parto per il Golfo Arabo, con la mia cara amica Maria, una bellissima donna bionda, avvocato, che mi fa da accompagnatrice per le due cerimonie di aperture delle Boutique ALV, una a Kuwait City e una a Riad in Arabia Saudita. A Kuwait, città molto sviluppata, dove ormai si potrebbe evitare di osservare le ferree leggi dei paesi del Golfo, mi è capitato, incontrando donne locali, mogli d
Alviero Martini : “50 anni di carriera tra grafica, design e moda”

Alviero Martini : “50 anni di carriera tra grafica, design e moda”

Alviero Martini
A 16 anni mi fu commissionato, e pagato, il mio primo lavoro di grafica; una palestra di Cuneo apriva alla nuova moda dell’aerobica, dunque serviva un manifesto per affiggere in città, incisivo e fuori dai canoni. La proprietaria aveva sentito dire che un certo Alviero, un ragazzo tutto fare, era anche un bravo grafico, autodidatta, ma con una buona mano. Mi contattò, mi spiegò il suo progetto e dopo qualche giorno le presentai alcuni bozzetti… non esitò e scelse quello che aveva un peso tipico da palestra connesso ad una cuffia per la musica, che avevo denominato GYM&MUSIC, e così chiamò anche la sua palestra. Si fecero varie versioni, dal manifesto alla locandina, dalla cartolina al flyer. E questo fu il mi primo lavoro ufficiale, compensato con il denaro, dunque un lavoro vendut
Viaggio in Montenegro con Maradona

Viaggio in Montenegro con Maradona

Alviero Martini
Alcuni anni or sono, ricevo un invito per presenziare ad un evento a Kotor, in Montenegro. Si trattava di una manifestazione sportiva, vari incontri di tennis con i più grandi tennisti del passato, congiunto ad un evento di moda. Accetto, e mi dicono che farò un viaggio con aereo privato, partenza da Linate, con altre 3 persone, dei quali non mi danno informazioni, ma non reputavo necessario sapere con chi avrei viaggiato. Arrivo all’aeroporto e all’imbarco incontro i miei compagni di viaggio. “Hei Albiero, como estas?”, mi dice uno dei tre: era Diego Armando Maradona, già nella fase post carriera da calciatore, decisamente fuori forma, che avrebbe partecipato al torneo per beneficenza, misurandosi con Boris Beker, John McEnroe, Jymmy Connors, Bob Bryan, Roger Federe
Alviero Martini: Il mio viaggio in Tunisia

Alviero Martini: Il mio viaggio in Tunisia

Alviero Martini
La mia prima visita in Tunisia fu a Monastir, nel 1989, dove passai un intero mese di agosto con il mio più caro amico, compagno di tanti viaggi, Luigi, con il quale ci divertimmo davvero molto. Decidemmo di prenotare in un hotel con tutte le comodità possibili, e ci accorgemmo ben presto che erano inclusi tutti i servizi di intrattenimento in stile “villaggio vacanze”, che ovviamente odiavamo.. ma ci adattammo, anzi il nostro atteggiamento anticonformista, era addirittura apprezzato e talvolta ci scambiavano per “animatori”. Facevamo il verso al gruppo delle 7 del pomeriggio che si riuniva per “il ballo del qua-qua”, passavamo ai tavoli durante la ristorazione per chiedere se andava tutto bene, insomma con molta impertinenza e ironia, ci divertimmo noi e il pubblico ignaro. Così
L’Arte della danza

L’Arte della danza

Alviero Martini
La danza è sicuramente l’espressione artistica-fisica eccellente per natura, sublime per prestazione ed elegante per definizione. In realtà è la massima espressione di tutte le arti congiunte, dove, seppure senza l’ausilio della voce, il corpo supplisce con tanta imponenza, sia nella delicatezza che nello sforzo estremo, da comunicare e trasmettere sensazioni straordinarie. E’ un arte espressiva, dove il movimento del corpo attraverso un ritmo racconta una storia, una sensazione, una emozione. La coreografia di un singolo elemento o di un intero corpo di ballo, sia studiata a tavolino, o sublimata attraverso l’improvvisazione, è presente in tutte le culture umane. Teatro e Musica sono le arti che la animano, sia essa classica, popolare, o semplicemente “ballo”. Sin dall’antichità, la