martedì, Giugno 18Settimanale a cura di Valeria Sorli

STORIE DI VITA

Marco Zamponi: Professione networker

Marco Zamponi: Professione networker

EVIDENZA, STORIE DI VITA
  Siamo spesso contattati da lettori i quali ci raccontano storie di vita, e noi sempre più curiosi di scoprire cosa succede nella nostra bella Italia. Questa volta la nostra attenzione è rivolta a un lettore “un po' particolare”.  Lui si chiama Marco Zamponi ed ‘è un giovane quarantenne che di professione fa il networker.  Molti sicuramente ignari di questa professione ormai diventata un nuovo sistema di vendita, grazie all’avvento d’internet che ha consentito, specialmente con i social di creare reti per estendere il proprio business. Forse sarebbe meglio chiedere a Marco in che cosa consiste l’attività del networker.   Come ti sei avvicinato a questo tipo di lavoro e cosa vuole dire networker?   Un amico mi ha parlato di questo lavoro e mi ha incuriosi
Antonello Montes: Riders on the Road

Antonello Montes: Riders on the Road

EVIDENZA, STORIE DI VITA
Antonello Montes, classe 1966, ha saputo unire la sua grande passione per la moto e in particolare la Ducati e fare della beneficenza con la B maiuscola aiutando in modo concreto le persone e in particolar modo i bambini. Oggi è Presidente dell'Associazione Riders on the Road. Andiamo a conoscerlo meglio... Tutto parte nel 2014. Giro d'Italia in moto in 70 ore toccando e attraversando 19 regioni tramite tutte strade statali (ne parlarono diversi giornali). Da cosa nasce la voglia di mettersi in gioco in un modo così particolare e tosto? Nasce dalla voglia di dimostrare una grande forza fisica, una sfida un po' con se stessi... Il giro d'Italia è stato abbinato ad una raccolta fondi in favore di una bambina che doveva subire un trapianto di cuore...ti va di raccontarci la s
L’Alba di Luca è speciale

L’Alba di Luca è speciale

STORIE DI VITA
Eh no, è proprio vero che l'amore non ha sesso e non ha disabilità! L'amore vero, come si dice a Napoli: "L'ammor over" con due "m", per rafforzarne la passionalità e la veridicità. Rifiutata da 7 famiglie, "Famiglie normali", famiglie eterosessuali, quelle riconosciute e accettate, spesso ipocritamente, da tutti noi. Non bisogna giudicare neanche loro, e non lo stiamo facendo, nessuno deve sentirsi obbligato, non è una questione di beneficenza adottare un essere umano. Ma la differenza deve essere sottolineata. Sottolineata per tutte quelle persone che giudicano, deridono, ostacolano ciò che loro ritengono sbagliato. Chi può dire cos'è sbagliato o no? Nessuno! Si dovrebbe, semplicemente, partire da una base comune a tutti, per il rispetto e il bene, appunto, di tutti,
MINI CHITARRE DA RI-CREARE. PASSIONE E DETTAGLI

MINI CHITARRE DA RI-CREARE. PASSIONE E DETTAGLI

STORIE DI VITA
Barbato le colleziona, studia e poi le ricompone. Ne ha oltre 650 Collezionare chitarre ha un fascino speciale, così come suonarle o farne sfoggio con gli amici o i propri fan. Ci vorrebbe un capannone per contenerle tutte, specialmente se come Bruno Barbato appassionato di musica, vinili e modellismo, ne possiede 650. Tutte diverse, colorate e rielaborate proprio per assomigliare a quelle dei grandi rocker, partendo da un modello standard, mai anonimo, ma sicuramente privo d’originalità e dettagli. Eppure lui non abita in una reggia e i suoi gioielli li custodisce in vetrinette o impilate nelle scatole su una mensola, in cui ha riportato numero seriale e un’immagine per riconoscerle. Si perché per poterle adoperare si dovrebbe diventare “grandi” come puffi. “Tutto nasce nel