martedì, Aprile 23Settimanale a cura di Valeria Sorli

Ricetta brutta ma buona: La ribollita

Cari Amici buon gustai, siamo arrivati ad un altro appuntamento con la rubrica “Brutta ma buona” questa ricetta è tipica del periodo invernale e per noi Toscani rappresenta un pò l’emblema della cucina della nostra terra un piatto povero ma ormai diventato un cult nelle trattorie di tutta la Toscana, il suo profumo e la sua consistenza ,data dagli ingrediente, scalda le fredde sere d’inverno, un piatto unico da gustare insieme ai vostri amici o ai vostri familiari.

Il piatto di questo mese è:

La Ribollita

 

Ingredienti:

– 1 cavolo nero

– 1/2 cavolo verza

– 2 patate

– 2 carote

– 1 cipolla

– 10 pomodorini

– 2 zucchine

– 1 costa di sedano più le foglie

– 400 grammi di fagioli cannellini

– Olio extra vergine di oliva

– Pane toscano raffermo

La Preparazione :

Mettete a bagno i fagioli per una notte intera e poi fateli cuocere in una pentola di terracotta in acqua bollente.
In una grande padella o preferibilmente in un grande coccio di terra cotta, fate soffriggere in olio extra vergine di oliva la cipolla tagliata a rondelle, aggiungete la carota tagliata a dadini e il sedano a tocchetti, poi lasciate imbiondire. 
Dopo 5 minuti mettete i pomodorini tagliati a spicchi, condite con sale e pepe e fateli cuocere coperti per una decina di minuti a fuoco vivace.
Abbassate la fiamma e aggiungete le patate tagliate a dadini; dopo circa 10 minuti aggiungete il cavolo verza e il cavolo nero spezzattati. 
Per ammorbidire il tutto potete usare l’acqua di cottura che state utilizzando per i fagioli.
Ora è il momento di mettere metà dei fagioli nella padella e, dopo un po’, anche le zucchine a pezzetti.
A parte, nel frattempo, tagliate il pane raffermo a pezzettoni e fatelo arrostire in forno a 180° per 3 o 4 minuti. 
Prendete un tegame di terra cotta e disponete i dadini di pane croccanti sul fondo.
Versateci sopra la verdura con il brodo e poi mettete un altro strato di crostini, aggiungete ancora verdura e brodo e condite con un filo d’olio extra vergine di oliva.
Servite la Ribollita toscana molto, molto calda!
Vi lascio con il mio motto  ricordate che tra una canzone e l’altra cucino io e anche se la ricetta verrà “Brutta ma buona” non importa, tanto in corpo c’è buio.


La Colonna sonora perfetta per questo piatto sarà : “Il nostro amore perfetto” di Alessandro Canino essendo Toscano questa volta ho deciso di abbinare un brano mio.