martedì, Agosto 20Settimanale a cura di Valeria Sorli

RASPELLI: a Castellammare di Stabia(Napoli)la prima tappa del Mediterranean Cooking Congress

A Castellammare di Stabia(Napoli) la prima tappa dell’edizione numero 6 del Mediterranean Cooking Congress ideato da Luisa Del Sorbo

“Scuole di cucina” con chef di vertice: Mauro Uliassi intervistato ,con la giornalista di CafèTV24 Alessandra Natali, da Edoardo Raspelli

Il recupero dell’antico Borgo dei Naviganti di Castellammare di Stabia e la candidatura al Ministero delle 28 sorgenti stabiesi. E ancora chef ai fornelli, Mediterraneo a tavola e meduse nel piatto. E’partita da qui la prima tappa del Mediterranean Cooking Congress 2019, evento di marketing territoriale giunto alla sesta edizione e organizzato dalla società By Tourist di Luisa Del Sorbo.

Informare, promuovere, tutelare sono le linee guida di una manifestazione che ogni anno punta la propria attenzione verso una materia prima del Mediterraneo, per scoprire territori e mettere in campo progetti di marketing, avviandone il recupero e la promozione internazionale.

 

ACQUA, PESCA E UNESCO

 

Focus 2019 sono l’acqua e la pesca. E il viaggio ha avuto inizio a Castellammare di Stabia, dove è stato realizzato in sinergia con il Comune, l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale, la Capitaneria di Porto e gli imprenditori del centro storico stabiese il recupero dell’antico Borgo dei Naviganti e delle fonti di via Duilio, nella zona adiacente lo stabilimento della Fincantieri. “Grazie alla sinergia con la By Tourist, al progetto Mediterranean Cooking Congress – commenta il sindaco di Castellammare di Stabia, Gaetano Cimmino – sono diventate realità la riapertura al pubblico delle Antiche Terme con le 28 sorgenti e la candidatura delle nostre acque al Ministero come Patrimonio Naturale dell’Umanità”.

 

CHEF E MEDITERRANEO

 

“Il nostro viaggio – illustra Luisa Del Sorbo, ideatrice del Mediterranean Cooking Congress e manager della società By Tourist – ci vedrà impegnati nei prossimi mesi su Venezia e Taormina, per poi navigare verso la Grecia, continuando ad accendere i riflettori sul tema della pesca sostenibile e sulla risorsa Acqua per alimentare il Mediterraneo”.

A supportare l’iniziativa – cooking show e laboratori sulle materie prime (grano, olio, acqua e pomodorini) – sono intervenuti numerosi chef stellati italiani. Il giornalista e”cronista della gastronomia” Edoardo Raspelli, con al fianco la collega Alessandra Natali di CafèTV24, tra gli altri ha intervistato  Mauro Uliassi, 3 stelle Michelin del Ristorante Uliassi di Senigallia, affiancato da Hilde Soliani, l’artista dell’Olfatto e del Gusto; Vincenzo Guarino, già 1 stella Michelin e tra poco al ristorante L’Aria del Mandarin Hotel Lago di Como ; Pietro D’Agostino, 1 stella Michelin del ristorante La Capinera di Taormina. Tutti hanno preparato piatti che rispettano il mare e lo esaltano a tavola.

 

MEDUSE NEL PIATTO

 

Grazie infatti alla sinergia avviata negli ultimi anni tra Associazione Marevivo, CNR-ISPA e lo chef stellato Gennaro Esposito, è stato ricordato come la medusa oggi rientra tra gli alimenti ufficiali ministeriali. “Non fa parte della nostra tradizione culinaria, ma è un cibo prelibato in altri Paesi, soprattutto in quelli Orientali. Già nel 2013 – racconta Rosalba Giugni, Presidente Nazionale dell’Associazione Marevivo – attraverso il progetto ‘La Tavola Blu’ finanziato dal Ministero dell’Ambiente, abbiamo lanciato la sfida, raccolta dallo chef Gennaro Esposito. Inoltre, le meduse tropicali arrivano in Mediterraneo a causa dell’aumento della temperatura. In generale, però, se peschiamo troppi pesci, diminuiscono anche le loro larve e rimane più plancton per le meduse, che di conseguenza aumentano”. Il consumo di meduse a scopi alimentari potrebbe dunque determinare un riequilibrio e mitigare la moltiplicazione delle meduse. Da qui il progetto: “Diamo una mano, mangiamole anche noi!”.

“Le meduse sono ricche di proteine e collagene – spiega Gennaro Esposito, chef 2 stelle Michelin de La Torre del Saracino di Vico Equense – elementi preziosi per la dieta umana. Come la cappella del fungo porcino, così la testa della medusa, che ha la stessa forma, potrebbe diventare un dono prelibato offerto dalla Natura”.

 

I PARTNER

 

A supportare il percorso numerosi imprenditori, enti ed associazioni: Lega Navale Stabia, Circolo Nautico Stabia, Associazione Marevivo, Propeller Club, Area Marina Protetta di Punta Campanella, Banchina Porto Salvo, Chalet Maria Rosaria, Mare Vivo Restaurant, l’Istituto Alberghiero “Viviani” di Castellammare di Stabia, Gico Grandi Impianti e Cucine, Stabia Main Port, Luise Group, Oceano Mare Group, Pastificio Artigianale Leonessa, Mennella, I Sapori di Corbara, GMA Specialità, Scugnizzo Napoletano, Associazione Pizza Napoletana Gourmet, Biancaffè, Associazione Italiana Sommelier della Campania, Consorzio Tutela Vini del Vesuvio e l’associazione CPS stabiese.

 

Print Friendly, PDF & Email