domenica, Febbraio 25Settimanale a cura di Valeria Sorli

MUSEION Bolzano | HOPE |

Museion – Museo d’arte moderna e contemporanea di Bolzano

presenta

 

HOPE

a cura di Bart van der Heide e Leonie Radine

in collaborazione con DeForrest Brown, Jr.

 

 

30 settembre 2023  –  25 febbraio 2024

 

PRESS PREVIEW
28 settembre 2023, ore 12.00

 

OPENING
29 settembre 2023, ore 19.00

 

 

Museion

Piazza Piero Siena 1, Bolzano

www.museion.it

Berlino/Bolzano,  2023. Museion Bolzano presenta HOPE, una mostra collettiva internazionale che esplora possibili spazi di speranza tra scienza e finzione. Curata da Bart van der Heide e Leonie Radine in collaborazione con il musicista, teorico e scrittore DeForrest Brown, Jr., HOPE conclude la trilogia TECHNO HUMANITIES con un’ode alle scienze umane nel loro stretto legame con i musei come luoghi attivi di costruzione del mondo.

La mostra, che occupa l’intera superficie del museo, comprende opere transdisciplinari di artiste e artisti appartenenti a diverse generazioni. È inoltre parte del progetto espositivo un’antologia di testi critici (Hatje Cantz) e un ampio programma di mediazione e di eventi.

 

Dalla sua inaugurazione, esattamente 15 anni fa, l’edificio di Museion è stato spesso descritto come un’architettura extraterrestre, come un UFO atterrato nel centro di Bolzano. HOPE sottolinea questa immagine simbolica del museo come un’astronave, una capsula del tempo, un portale verso un’altra dimensione. Museion si trasforma così in un luogo di produzione di meraviglia, in cui scienza e finzione si fondono per affermare la speranza come pratica critica attiva.

 

La mostra include opere di Almare, Sophia Al-Maria, Ei Arakawa, Trisha Baga, Neïl Beloufa, Black Quantum Futurism, Tony Cokes, Irene Fenara, Michael Fliri, Petrit Halilaj, Matthew Angelo Harrison, AbuQadim Haqq, Andrei Koschmieder, Maggie Lee, Lawrence Lek, Nicola L., Linda Jasmin Mayer, Beatrice Marchi, Bojan Šarčević, Marina Sula, Suzanne Treister, Ilaria Vinci, LuYang, e opere dalla Collezione Museion di Allora & Calzadilla, Shūsaku Arakawa, Ulrike Bernard & Caroline Profanter, Shu Lea Cheang, Tacita Dean, Sonia Leimer, Ana Lupaş e Riccardo Previdi.

Print Friendly, PDF & Email