domenica, Settembre 19Settimanale a cura di Valeria Sorli

Maybe in May

MAYBE IN MAY

Gioia Di Girolamo, Elena El Asmar, Marie Jacotey, Rada Kozelj, Alix Marie, Michela Martello

a cura di Elisabetta Mero e Valentina Rignano

 

13 maggio – 13 giugno 2021

Basilica di San Celso, Milano

 

In mostra le opere di sei artiste che, utilizzando il medium tessile, offrono nuove visioni sull’identità della donna e sul valore della collaborazione

 

In collaborazione con il Santuario di Santa Maria dei Miracoli presso San Celso, Galleria Bianconi – Milan, Galleria Giovanni Bonelli – Milan, Ncontemporary – Milan | Londra, Ballon Rouge Collective – Brussels (TBC)

 

*******

VIRTUAL TALK con le artiste

9 giugno 2021 ore 12.00

con la partecipazione di

Mizuki Takahashi, Executive Director and Chief Curator, CHAT (Centre for Heritage, Arts and Textile), Hong Kong, Martha Kowalewska-Piwowarczyk, Chief curator, Central Museum of Textiles in Łódź, Poland, Alessandra Tempesti, curator, Lottozero, Prato

 

Michela Martello, The Absolute Body, 2020

L’associazione culturale LAQ – lartquotidien presenta dal 13 maggio al 13 giugno 2021, nello spazio della Basilica di San Celso a Milano, MAYBE IN MAY, mostra collettiva con opere delle artiste Gioia di Girolamo, Michela Martello, Alix Marie, Rada Kozelj, Marie Jacotey, Elena El Asmar.

L’esposizione, curata da Elisabetta Mero e Valentina Rignano, è la prima di una serie di attività culturali pensate da LAQ per la Basilica di San Celso in collaborazione con istituzioni e gallerie locali e internazionali.

 

Il titolo della mostra sottolinea la difficoltà psicologica e fattuale nel realizzare un progetto espositivo in tempi incerti, dove pianificazione e programmazione sembrano azioni impossibili. Le sei artiste coinvolte offrono ognuna un contributo per guardare alle nuove possibilità che si aprono in questo periodo storico come la scoperta di nuove forme di liberazione psicofisica e di emancipazione attraverso la collaborazione tra esseri umani, in un intreccio globale di interazioni.

Il focus della mostra è sul ruolo delle donne e del tessile nella ricerca di questi nuovi significati.

 

Le pratiche di tutte e sei le artiste si concentrano su tematiche connesse all’identità della donna, partendo dallo sguardo verso il proprio corpo fino ad arrivare al rapporto con retaggi e stereotipi psicologici, sociali e culturali che portano il genere a diventare un mero costrutto che performa la realtà. Il tessuto risulta essere oggi, in continuità con le riflessioni femministe degli anni ‘70, il mezzo privilegiato per approfondire tematiche sociali. Materia “parlante” che sintetizza nell’ambito delle arti visive, e non più solo nell’ambito della Fiber art, per le sue qualità intrinseche, l’ideale della creazione di connessioni e può essere usato anche per guardare al corpo nel suo aspetto sociale e politico.

 

In dialogo con i movimenti internazionali sempre più interessati ad un approfondimento politico e sociale del concetto di cura, veicolato anche attraverso il mezzo dell’arte, LAQ vuole indagare concretamente nuove forme di collaborazione e veicolare possibili nuove modalità di supporto tra individui in un momento storico così particolare.

 

Tutte le opere in mostra sono realizzate con l’utilizzo di tessuti, materia che oggi ha finalmente raggiunto una dignità intrinseca alla pari di materiali più tradizionali come il marmo. L’interesse, dunque, non è solo quello di esplorare gli aspetti tecnici della fibra, ma di indagare la vastità di possibili significati che è in grado di veicolare attraverso le sue qualità organiche.

 

GIOIA DI GIROLAMO con l’opera “Impalpable”, realizzata con cotone, imbottitura, felpa, e nitro spray (2016) ci offre, un’esperienza sensoriale tridimensionale, impossibile da cogliere attraverso social media e video. È un’opera che ci ricorda l’importanza di vivere una vita reale fatta di contatto. Negli “Stretches” (2019), fotografie stampate su lycra, ALIX MARIE focalizza la sua attenzione su problemi e ossessioni legate al corpo che possono limitare la vita di una donna, stressata da miti sociali creati dalla moda e da un’ideale di bellezza stereotipato. RADA KOZELJ attraverso i suoi “Jingles” (2020), brevi melodie con testi improvvisati, manifesta un incontenibile bisogno di espressività fisica. L’ispirazione nasce nel primo lockdown quando realizza le prime produzioni in un contesto intimo e domestico, i tre “Jingles” in mostra sono invece girati nella natura sul limitare del bosco non lontano da casa sua. I copricapi e i vestiti da lei creati o assemblati hanno un ruolo connotante nella performance privata. MICHELA MARTELLO in “The Absolute body” (2020), ha dipinto su sacchi alimentari vintage Green Tara, la dea della compassione della tradizione buddista tibetana. È una rappresentazione femminile a cui possiamo rivolgerci nei momenti di bisogno per qualsiasi richiesta di aiuto e cura. MARIE JACOTEY nei suoi recenti lavori “Papillon de la noche” e “You pinned me down” (stampe digitali stampate su tessuto) esplora l’odierna narrazione femminile rappresentando volti di donne e dettagli di fiori mostrando le energie di una rinascita e la riscoperta delle emozioni in un immaginario autobiografico ironico e sardonico accompagnato da un’estetica punk. Infine ELENA EL ASMAR presenta “Reverie” (2016), arazzo Jacquard, in cui è rappresentato un vaso di vetro che diviene l’archetipo di un’architettura moresca, che si staglia su un paesaggio di impianto rinascimentale. Sia il tessile sia il vetro sono elementi legati alla sua ricerca di identità e di riscoperta delle sue origini libanesi.

Print Friendly, PDF & Email