sabato, Aprile 20Settimanale a cura di Valeria Sorli

La Vendemmia Solidale con Luca Zaia, Kristian Ghedina e Lele Marcassa

VIGNAIOLI PER UN GIORNO

 

Le Manzane: successo per la 12ᵃ edizione della Vendemmia Solidale con Luca Zaia, Kristian Ghedina e Lele Marcassa

Giornata di festa e di beneficenza ieri alla tenuta di S. Pietro di Feletto (Treviso) per raccogliere fondi a favore della onlus Unico1 dell’ex calciatore Diego Murari

 

San Pietro di Feletto, 11 settembre 2023_ Come dei veri vignaioli. Oltre 500 persone hanno preso parte, ieri, alla 12ª edizione della Vendemmia Solidale organizzata dalla cantina Le Manzane di San Pietro di Feletto (TV). I partecipanti hanno avuto l’occasione di vivere una delle esperienze più autentiche del mondo del vino: la raccolta manuale dell’uva immersi nello splendido scenario delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene Patrimonio dell’Umanità Unesco. La manifestazione aveva un fine benefico: raccogliere fondi a favore della onlus Unico1 dell’ex calciatore Diego Murari, per aiutare i bambini malati a ritrovare la voglia di sognare. Grandi e piccini hanno scattato selfie di rito con il pluripremiato campione di sci italiano Kristian Ghedina sul palco insieme a Lele Marcassa, presentatore della Vendemmia Solidale 2023.

 

«Quest’anno – ha dichiarato il titolare della cantina Le Manzane, Ernesto Balbinot – abbiamo voluto cambiare e vendemmiare nei vigneti più impervi: i terrazzamenti che ricoprono la cantina (3 mila e 500 metri quadrati di vigna). Abbiamo raccolto circa 35 quintali di uva che saranno implementati lunedì (oggi ndr) quando i nostri ragazzi finiranno di vendemmiare per un totale di un centinaio di quintali di uva. E’ doveroso da parte mia ringraziare tutti gli sponsor, i partner, gli enti che hanno dato il patrocinio alla manifestazione e tutto lo staff della cantina Le Manzane che con il loro entusiasmo e il loro lavoro rendono possibile ogni anno questa manifestazione. Un ringraziamento particolare all’Associazione per il Patrimonio delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene per il sostegno e il contributo dato al progetto.».

 

Il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, si è complimentato con la famiglia Balbinot e con tutti i volontari «perché sono stati coraggiosi e hanno gettato il cuore oltre l’ostacolo». Il governatore ha poi rivolto un caloroso abbraccio a Diego Murari che ha partecipato all’evento nonostante i problemi di salute. Sul palco anche il pluripremiato campione di sci italiano Kristian Ghedina. «Quando mi sono occupato della candidatura delle Olimpiadi Milano Cortina 2026 – ha detto Zaia – ho pensato subito a Kristian perché dietro una grande candidatura c’è sempre un grande campione».

 

«Grazie per avermi regalato questo sogno – ha esordito Diego Murari – grazie ai campioni che sono qui come Kristian Ghedina. Cercheremo di portare una speranza ai bambini. La mia priorità è di riuscirci, è per questo che lotto ogni giorno».

 

«12ª edizione, i numeri ormai sono alti – ha dichiarato il sindaco di San Pietro di Feletto, Maria Assunta Rizzo – devo complimentarmi con la famiglia Balbinot per questa giornata». «Per le nostre Colline – ha aggiunto Elvira Bortolomiol, presidente del Consorzio Tutela del Vino Conegliano Valdobbiadene Prosecco – avere aziende che si muovono in questo modo è motivo di grande orgoglio».

 

La manifestazione è iniziata alle 9.00 con la vendemmia, è continuata con le visite in cantina, la musica italiana dal vivo della Magirus Band & Alberto Ceschin e l’aperitivo con Prosecco Superiore Docg Le Manzane accompagnato dagli sfiziosi cicchetti di pesce di Ca’ del Poggio.

 

A metà mattinata, dopo gli interventi delle autorità, Lele Marcassa ha intrattenuto il pubblico con la gara di Gin Tonic. A preparare i cocktail Enrico Brunello che con la famiglia gestisce la più piccola distilleria artigianale d’Italia. 9 i giurati e 3 le squadre capitanate dal vulcanico presidente degli “XI di Marca” Marco Varisco, dal campione di sci Kristian Ghedina e da Yoshiyuki Kawazu, agente della cantina Le Manzane. A vincere la sfida è stato Gin CR42 Falco dedicato a Giandomenico Brunello, pilota classe 1916 e 3° generazione di distillatori, che con il suo biplano CR 42 FALCO solcava i cieli dall’Africa al Nord Europa.

 

La giornata è proseguita con la lotteria, gli spettacoli di marionette della Compagnia Alberto De Bastiani, i green test drive con auto elettrica di Manzotti Automobili e il pranzo in “caneva”.

 

Alla giornata hanno partecipato i piloti del 132° Gruppo Volo Buscaglia del 51° Stormo di Istrana e alcuni membri dell’associazione Super Simo’s Family di Simone Menin che si occupa di promuovere l’attività sportiva nelle persone con disabilità. Simone presto potrà realizzare il suo sogno di correre alla maratona di New York a bordo della sua nuova carrozzina.

 

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

Comments are closed.