lunedì, dicembre 17Settimanale a cura di Valeria Sorli

Fate: le più celebri

 

Continuiamo la nostra “inchiesta” sul misterioso mondo delle Fate.

Questa settimana vorrei farvi conoscere alcune delle Fate più celebri e conosciute nella storia, attraverso i racconti e documenti che ho trovato curiosando qua e la.

Ci sono delle Fate che hanno lasciato indubbiamente un’impronta incancellabile in molte tradizioni popolari, iniziamo dalla più conosciuta la Fata Morgana.

La Leggenda di Morgana trova la sua collocazione ai primi tempi della Gallia, in un epoca certamente anteriore al Cristianesimo.

Figlia del re Pandragon, sorella di Re Artù, amante di Lancillotto e allieva del famoso Mago Merlino, dal quale apprende i segreti della Magia.

I tratti della Fata Morgana ricordano più la figura di una maga, come Iside, e a volte in alcuni scritti viene identificata come un Ondina, ama stare lungo i bordi dei fiumi e torrenti, oppure volare sulla loro superficie su di un carro trainato da animali marini, per poi rientrare nel palazzo sul fondo delle acque, dove abita.

C’è un altra Fata sicuramente meno conosciuta di Morgana, ma la sua leggenda è degna di nota, la Fata Melusina, il suo nome significa “Meraviglia”:

il Mito di Melusina ha conquistato e ispirato nei secoli la fantasia di molti scrittori, poeti e pittori, la sua immagine controversa è stata associata a quella di una divinità dell’aria, a un demone del mare, ad una strega.

Ci sono vari racconti su questa fata misteriosa, vi riporto di seguito quello più conosciuto.

Secondo una leggenda del tredicesimo secolo, la bella figlia di Ippocrate, trasformata in un dragone da un incantesimo, risiedeva nei sotterranei di un vecchio castello e si mostrava solo due volte l’anno.

Il malvagio sortilegio un giorno fu infranto da un cavaliere, che vincendo la repulsione la baciò sulla bocca, allora Melusina assunse di nuovo il suo aspetto naturale e riacquistò la sua originaria bellezza, ma di li a poco scomparve per sempre nel nulla.

Un’altra Fata che ha lasciato una sua impronta importante nelle leggende è Fata Mab, alla quale si ispirò anche Shakespeare in Giulietta e Romeo, era il nome di origine nordica con il quale anticamente, fino al periodo precedente il Rinascimento, si identificava la Regina delle Fate.

Mab era una grande sognatrice, che si sdraiava sugli uomini addormentati e realizzava i loro sogni.

Come potete constatare, il mondo delle Fate è colmo di leggende, storie, simboli esoterici e racconti affascinanti, ho voluto presentarvi solo alcune delle fate più conosciute, nel prossimo numero vi parlerò di altre Fate famose, per farvi entrare nel loro magico mondo Fatato.