sabato, Giugno 22Settimanale a cura di Valeria Sorli

Dutty Beagle- La Ventana

Torna sulla scena Dutty Beagle e lo fa con il brano “La Ventana”.
Nette ed evidenti sono le influenze folk e world del musicista cilentano. Questo brano, però, segna un cambio di passo nella sua produzione musicale.
Nei lavori precedenti (“Repubblica delle Cucozz” del 2015 e “La campagna del rumore” del 2018) il reggae la faceva da padrone. Emblema evidente di questo sound il singolo “Cilentoland”, che ha fatto da sfondo alla puntata di “4 Ristoranti” di Alessandro Borghese ambientata proprio nel Cilento.

“La Ventana”, un ritorno al cantautorato folk, segna l’unione tra il Cilento (sua terra natia) con i Sud del Mondo, miscelando il tutto con il folklore andaluso e le percussioni afro-cubane.

«Per la realizzazione de “La Ventana” mi sono affidato al chitarrista Pantaleo Rizzo e al percussionista Antonio De Leo. Le loro influenze hanno colorato il brano di sonorità flamenco-andaluse e afro-cubane. Mi piace conoscere i popoli, studiarne i costumi, la musica, la storia. Così mi capita di ascoltare cose diverse, ed esserne conseguentemente influenzato, cambiando anche modo di approcciarmi alla musica e di scrivere».

L’Andalusia e le sue sonorità rappresentano solo una tappa di questo viaggio musicale, una nota felice di un pentagramma in divenire arricchito dalla presenza dei due musicisti che da due anni si sono uniti, anima e corpo, al fianco di Dutty Beagle.

«La Ventana rappresenta la presa di coscienza di una giovane ragazza soffocata da una quotidianità che la imprigiona e da un ambiente di lavoro privo di umanità. Il testo è un inno al cambiamento, tentando di restituire valore alle piccole cose».
Le riprese del videoclip sono state realizzate a Marina di Camerota in via “Luigi Rizzo”, un caratteristico vicoletto, teatro di cultura marinara nonchè baluardo di tradizione e identità territoriale. Ruolo di fondamentale importanza è stato ricoperto dagli abitanti del vicolo che, oltre ad aver contribuito ad allestire il set, si sono prestati come comparse svolgendo gli antichi mestieri.
Tra questi hanno particolare rilevanza la cucitura delle reti da pesca e la lavorazione dell’erba spartea, quest’ultima, un’ attività praticata dalle donne di un tempo meglio conosciute con il nome di strambaie. Le strambaie setacciavano tutta la macchia mediterranea per raccogliere l’erba spartea, una pianta che veniva intrecciata per la realizzazione di corde e cesti.

“La ventana” ha visto la luce in una calda sera d’estate tra i tavolini de La Marticana, locale tipico di Marina di Camerota, dove Dutty Beagle ama trascorrere serate in compagnia della sua chitarra e di chiunque abbia voglia di immergersi in quel sound cilentano che storicamente, in quel lembo di sud, si mescola con le sonorità latine.

“La ventana” è stata registrata all’Hexagonlab Studio di Vallo della Lucania (SA) da Edoardo Di Vietri e vede la collaborazione dei musicisti Pantaleo Rizzo (chitarre), Antonio De Leo (percussioni), Pietro Lorenzotti (basso), Denis Citera (batteria), Adriano Palmieri (tromba), Antonio Reda e Roberto Sergi (trombone), mentre è stata mixata e masterizzata da Carlos Avatar (El Tercero Studio, Barcellona).

“La ventana” su YouTube
“La ventana” su Spotify

BIOGRAFIA
Fra i maggiori esponenti della scena reggae cilentana, Dutty Beagle è un cantautore originario di Marina di Camerota (SA).
Dutty Beagle ha all’attivo due album, “Repubblica delle Cucozz” del 2015 (il quale vanta importanti collaborazioni con artisti quali Nicola Caso, Oz Real e Leo In) e “La campagna del rumore” del 2018.
Il suo singolo “Cilentoland” viene selezionato per fare da sfondo alla puntata di “4 Ristoranti” di Alessandro Borghese ambientata nel Cilento.
Dutty Beagle è conosciuto per i suoi live coinvolgenti, dove si respira il sapore della festa, anche e soprattutto grazie al suo modo di coinvolgere e interagire con il pubblico, in un costante dialogo con gli spettatori.

Print Friendly, PDF & Email