sabato, Aprile 20Settimanale a cura di Valeria Sorli

Più di 1milione e 700mila cittadini UE chiedono la fine delle pellicce

Più di 1 milione e 700 mila cittadini europei chiede la fine delle pellicce in Europa

 

L’Iniziativa dei cittadini europei (ICE) Fur Free Europe si chiude prima della scadenza ufficiale grazie a un numero record di firme raccolte. In meno di dieci mesi, 1.701.892 cittadini hanno firmato per porre fine a questa pratica crudele, inviando così un messaggio forte alla Commissione europea (CE)

 

Bruxelles, 02 marzo 2023 –  Fur Free Europe è stata lanciata nel maggio 2022 da Eurogroup for Animals e nell’arco di pochissimo tempo ha ricevuto un sostegno straordinario da parte dei cittadini, tra cui anche 85.132 di cittadini italiani.

L’iniziativa è stata promossa da oltre ottanta organizzazioni di tutta Europa, tra cui Essere Animali in Italia, che da più di 10 anni è impegnata a mettere fine alla produzione di pellicce anche in Italia, dove, proprio grazie al lavoro di Essere Animali e altri associazioni, la pratica è stata vietata a partire dal 1 gennaio 2022. L’ICE europea chiede però di vietare l’allevamento di animali da pelliccia e il commercio e l’importazione di pellicce in tutto il Continente.

Solo nel giorno del lancio, Fur Free Europe ha raccolto 50.000 firme e ora, a due mesi e mezzo dalla scadenza ufficiale, sono state raccolte 1.701.892 firme, offrendo un margine sicuro per il raggiungimento di 1 milione di firme convalidate. L’ICE ha inoltre raggiunto con successo la soglia di firme in 21 Stati membri, quasi tre volte il requisito minimo di sette Stati membri.

La decisione di chiudere anticipatamente l’ICE è stata presa a causa del potenziale impatto che potrebbe avere sull’imminente revisione della legislazione europea sul benessere degli animali, nell’ambito della strategia Farm to Fork della Commissione europea.

Entro la fine del 2023 infatti, la Commissione europea pubblicherà una proposta volta a migliorare la legislazione dell’UE in materia di benessere degli animali per allinearla alle più recenti evidenze scientifiche. Numerosi studi hanno dimostrato che visoni, volpi, cani procione non perdono le loro caratteristiche etologiche di animali selvatici, impossibili da soddisfare all’interno degli allevamenti.

Di conseguenza, nella proposta della Commissione dovrebbe essere incluso da subito un divieto all’allevamento di animali per la produzione di pellicce.

Numerose inchieste, tra cui l’ultima rilasciata proprio da Essere Animali e realizzata in Polonia, tra i principali produttori ed esportatori a livello mondiale, dimostrano che la vita di questi animali in allevamento è priva di qualunque tutela e dignità e per questo è urgente chiudere tutti questi allevamenti in Europa.

Inoltre, poiché le importazioni di prodotti di origine animale dovrebbero seguire gli standard dell’Unione europea, l’ICE chiede anche il divieto di immettere sul mercato europeo prodotti di pelliccia di origine animale.

“Grazie agli sforzi di tutte le associazioni abbiamo raggiunto un risultato straordinario. Questa iniziativa popolare ha preso slancio fin dal primo giorno e dimostra che i cittadini europei stanno inviando un messaggio chiarissimo alla Commissione europea: è giunto il momento di un’Europa senza pellicce. L’allevamento di animali da pelliccia rappresenta un enorme problema dal punto di vista della salute, come dimostra il nuovo studio di EFSA che definisce i visoni come gli animali a maggior rischio di contagio e trasmissione di Covid-19. Ma anche dal punto di vista etico: con la nuova legislazione sul benessere degli animali in arrivo l’Unione europea ha l’opportunità di porre fine a questa inutile sofferenza una volta per tutte”, dichiara Brenda Ferretti, Campaigns Manager di Essere Animali.

L’organizzazione Essere Animali oltre all’indagine condotta in un allevamento di volpi in Polonia per la produzione di pellicce, in questi mesi ha supportato la campagna Fur Free Europe coinvolgendo i propri volontari e organizzando iniziative in strada.

Il successo della raccolta firme di Fur Free Europe in Italia è merito anche delle altre organizzazioni che hanno aderito: Animal Law Italia, HSI Italia e LAV.

Una volta depositate e convalidate le firme si aprirà la seconda fase di confronto all’interno delle istituzioni europee, come spiega Anja Hazekamp (Partito per gli Animali, Paesi Bassi), presidente del gruppo di lavoro Fur Free Europe dell’Intergruppo per il Benessere e la Conservazione degli Animali al Parlamento europeo:  “Una volta terminato il processo di convalida, inizierà quello parlamentare. In qualità di presidente del gruppo di lavoro Fur Free Europe al Parlamento europeo, sono onorata di guidare questo processo e di assicurarmi che le richieste dei cittadini siano ascoltate e che si possa finalmente porre fine alle pellicce in Europa”.

Essere Animali esiste per costruire una società che riconosca diritti agli animali, lasciandoli liberi di soddisfare i propri interessi. Lavoriamo per porre fine agli allevamenti intensivi e promuovere il passaggio a un sistema alimentare che non preveda il consumo di prodotti animali.

Print Friendly, PDF & Email

6 Comments

Comments are closed.