sabato, Settembre 26Settimanale a cura di Valeria Sorli

LE MANS ’66 – LA GRANDE SFIDA

Regia: James Mangold
Anno: 2019

Detroit, primi anni ’60. Il colosso automobilistico americano, la Ford, è in crisi di vendite e per rilanciare il proprio marchio decide di scendere in campo con la costruzione di un’auto da corsa e di sfidare la squadra della mitica Ferrari. L’impresa sembra impossibile e il team modenese guarda con sufficienza e ironia l’idea dei colleghi-rivali americani, ma tanta è la voglia di mettersi in gioco che i vertici Ford assoldano due autentici assi del volante: Carroll Shelby (Matt Damon), ex pilota e progettista, e Ken Miles (Christian Bale), collaudatore talentuoso pilota britannico.
Seguiamo così le vicende parallele dei due personaggi, realmente esistiti, dai caratteri antitetici – uno razionale, l’altro impulsivo e ruvido – eppure uniti da profondo rispetto e stimadurati una vita.              Passando attraverso la vita privata di Miles, padre di famiglia legato ai suoi affetti, le logiche del potere e dell’arrivismo aziendale, la fatica dei tanti collaudi e delle prove, alla fine la Ford mette in pista la sua GT40 per la 24 Ore di Le Mans del 1966. E i risultati sorprenderanno tutti.
Godibilissimo film,“Le Mans ’66 – La grande sfida” si segue con passione lungo le sue due ore e mezza per i caratteri dei personaggi ben delineati, la sceneggiatura classica e le avvincenti scene delle auto in pista, sfreccianti sullo schermo con montaggio serrato e rombo di motori in effetto digital surround.
Abile direttore di attori, l’eclettico regista James Mangold passa con disinvoltura di genere in genere (da “Ragazze interrotte” a “Quando l’amore brucia l’anima”, dal remake di “Quel treno per Yuma” al recente “Logan”), ma mantiene costante l’attenzione per la complessità e l’interazione dei personaggi e per la solidità del racconto. Cosa che avrà senza dubbio agevolato l’interpretazione dei bravi e affiatati Matt Damon e Christian Bale, qui in un’altra meticolosa trasformazione fisica per diventare un umanissimo (e mitico) Ken Miles.
Finale commovente che va oltre la gara che dà il titolo al film e guarda alla figura dell’uomo Miles e alle passioni, al suo talento messo in pista non per la gloria di un’industria, ma perchè nell’anima ha la stoffa innata del campione. Si fannoscommesse sulle prossime candidature agli Oscar.

Print Friendly, PDF & Email