sabato, Luglio 13Settimanale a cura di Valeria Sorli

Janysett McPherson- A Long Way

Il 24 gennaio alle ore 21.00 la pianista, cantante e compositrice JANY MCPHERSON si esibirà in concerto all’Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone di Roma – Teatro Studio Borgna (Via Pietro de Coubertin 10), dove presenterà, per la prima volta In Italia, il suo nuovo album di inediti “A LONG WAY” (Glider Media Group Ltd.). Biglietti disponibili su Ticketone (https://www.ticketone.it/event/jany-mcpherson-auditorium-parco-della-musica-ennio-morricone-17555588/) e nei punti vendita abituali.

L’artista cubana eseguirà dal vivo i brani tratti dal suo nuovo album “A Long Way”, altri tratti dal suo precedente disco “Piano Solo!” e proporrà alcune  rivisitazioni personali di grandi standard internazionali. Accanto a lei sul palco i musicisti che hanno suonato con lei nel disco Antonio Sgro (contrabbasso), Yoann Serra (batteria) e Christophe Lampidecchia.

Jany McPherson si sta rapidamente imponendo sulla scena jazz internazionale tanto da collaborare con artisti del calibro di John McLaughlin che l’ha voluta con sé in tour e che ha suonato, in qualità di special guest, in “Tú y yo”, una traccia del suo nuovo album.

 

L’innato senso ritmico derivato dalla sua terra natia, la profonda e toccante intensità interpretativa delle sue ballad, le travolgenti progressioni armoniche e melodiche della sua musica e l’originalità del fraseggio e del linguaggio improvvisativo contribuiscono in modo significativo a definire l’unicità e la riconoscibilità di firma del suo stile pianistico e compositivo.

 

L’album, prodotto da Gianluca di Furia, è stato registrato e missato da Philippe Gaillot presso i Recall Studios (Pompignan, Francia) e masterizzato da Carmine Simeone ai Forward Studios (Roma, Italia).

 

«In questo album c’è tutta la mia vita. Gli undici brani che lo compongono sono il risultato di un intenso e sorprendente processo creativo in cui mi sono sentita naturalmente ispirata. Le melodie, le armonie, i ritmi, il modo di concepire e sviluppare gli arrangiamenti, la sonorità e la direzione che stava prendendo questo lavoro è arrivato tutto nella mia testa con un’inaspettata semplicità – afferma Jany McPherson – A volte chiudo gli occhi e mentre ascolto questa musica, immagino momenti di vita vissuta, come se fossero scene di un film. Ogni film ha la sua colonna sonora, la sua personalità e racconta la sua storia, senza assomigliare al film che inizierà pochi secondi dopo. Se dovessi riassumere l’album in poche parole, lo riassumerei così: “Musica dell’anima, per l’anima”».

 

Jany McPherson è nata a Guantánamo (Cuba). Dopo una carriera costruita nella sua terra natia, dove ha ricevuto il prestigioso premio “Adolfo Guzmán” e ha collaborato con artisti come Omara Portuondo e Buena Vista Social Club, l’Orchestra Anacaona, Alain Pérez e molti altri, l’artista si è trasferita in Francia. Show woman e performer sul palco, ha collaborato con John McLaughlin, Mino Cinelu, Andy Narell, André Ceccarelli, Didier Lockwood, Orlando “Maraca” Valle, Pierre Bertrand, Nicolas Folmer, per citarne solo alcuni. È stata ospite di molti festival internazionali come Trinidad & Tobago Jazz Festival, Kathmandu Jazz in Nepal, Montreux Jazz Festival, Grenoble Métropole Jazz Festival, North Sea, L’Atrium Scène Nationale/Martinica, Auditorium P-E Decimus/Guadeloupe, Cotton Club Tokyo, Nice Jazz Festival, Jazz en Baie, Annecy Jazz Festival.  Il nuovo album “A Long Way” segue il precedente lavoro discografico pubblicato nel 2020 “Solo Piano!” (Glider Media Group Ltd), ampiamente apprezzato dalla critica e da Chucho Valdés, uno dei più importanti pianisti cubani di sempre.

 

https://www.janymcpherson.com/
https://www.facebook.com/jany4jazz
https://www.instagram.com/jany_mcpherson/?hl=it

https://www.youtube.com/@janymcpherson

Print Friendly, PDF & Email