mercoledì, Aprile 17Settimanale a cura di Valeria Sorli

Il violinista David Garrett ospite della XIII edizione di Taobuk Festival

David Garrett ospite per due giornate della XIII edizione del
festival letterario internazionale Taobuk-SeeSicily

Sabato 17 giugno al Teatro Antico di Taormina in occasione del Taobuk Gala, serata-evento
trasmessa su Rai Uno, David Garrett si esibirà con l’orchestra del Teatro Massimo Bellini di

Catania e sarà insignito del prestigioso Taobuk Award.
Domenica 18 giugno, sempre al Teatro Antico, l’artista aprirà il

David Garrett Trio Iconic Tour

Il violinista e compositore tedesco David Garrett, sabato 17 e domenica 18 giugno, sarà ospite di
Taobuk Festival-SeeSicily, manifestazione diretta e ideata da Antonella Ferrara, giunta alla XIII
edizione, e realizzata con il sostegno della Regione Siciliana – Assessorato del Turismo, Sport e
Spettacolo.
Garrett – che ha raggiunto il successo internazionale per la sua straordinaria capacità di
sintetizzare generi lontani nel tempo e nello spazio, avvicinando alla musica classica un pubblico
eterogeneo – si esibirà sabato 17 con l’orchestra del Teatro Massimo Bellini nel corso di Taobuk
Gala, l’ormai tradizionale serata evento organizzata dal festival e trasmessa su Rai Uno.
Per l’occasione l’artista riceverà il prestigioso Taobuk Award, «per il suo eccezionale contributo
alla musica, che esplora generi diversi con incredibile capacità di sincretismo, esaltando il genio dei
grandi compositori del passato» dichiara Antonella Ferrara, presidente e direttore artistico del
festival.
Insieme a Garrett saliranno sul palco gli altri vincitori dei Taobuk Award 2023, personalità di
altissimo profilo della letteratura – la francese e Premio Nobel 2022 Annie Ernaux, la scrittrice
iraniana Azar Nafisi e la statunitense Joyce Carol Oates – e per la Scienza, il saggista e divulgatore
americano David Quammen.
Domenica 18 giugno, sempre nell’ambito di Taobuk Festival-SeeSicily, David Garrett aprirà in
anteprima il suo David Garrett Trio ICONIC Tour, che lo vedrà protagonista di una serie di concerti
dal 18 al 25 luglio in alcune fra le rassegne italiane più prestigiose.
Sulla scia del successo del tour del 2022, con 32 concerti in 11 paesi, Garrett inaugura un nuovo
capitolo: spaziando da Bach a Dvořák, da Gluck a Kreisler, da Mendelssohn a Schumann, propone
con una nuova formazione in Trio – insieme a Franck van der Heijden (chitarra) e Rogier van
Wegberg (basso) – nuovi arrangiamenti in grado di mescolare il virtuosismo della musica classica
con le melodie delle grandi canzoni rock.
Dopo Taormina, prima tappa del tour italiano, organizzato da International Music and Arts, Resia
Artists, sarà il 18 luglio al MusArt di Firenze, in Piazza Santissima Annunziata, il 19 a Roma ospite
dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia all’Auditorium Parco della Musica, il 21 a Genova ai
Parchi di Nervi (Villa Grimaldi), il 22 all’Arena della Regina di Cattolica, il 24 all’Arena Sferisterio di
Macerata e il 25 a Brescia in Piazza della Loggia.

TAOBUK TAORMINA INTERNATIONAL BOOK FESTIVAL
I biglietti per l’anteprima a Taormina saranno in vendita dal 16 marzo su Ticketone.
L’edizione 2023 del festival letterario internazionale Taobuk Festival – SeeSicily sarà dedicata al
tema “Le Libertà”, ed è realizzata con il sostegno della Regione Siciliana – Assessorato del
Turismo, Sport e Spettacolo, e con il contributo di Assessorato regionale dei Beni Culturali e
dell’Identità Siciliana, Parco Archeologico Naxos Taormina, Fondazione Taormina Arte Sicilia,
Fondazione Sicilia, Città di Taormina, Università degli Studi di Messina, Università degli Studi di
Catania, Teatro Massimo Bellini (taobuk.it).
David Garrett ha debuttato sul palcoscenico all’età di 10 anni. A 13, è diventato l’artista più
giovane di sempre a firmare con la prestigiosa Deutsche Grammophon con la quale lo scorso
novembre ha pubblicato l’album che ha dato il nome a questo tour. A soli 15 ha registrato tutti i
24 Capricci di Paganini, senza dubbio alcuni dei suoi brani più impegnativi mai scritti per violino.
Ha lavorato con direttori d’orchestra leggendari, come Zubin Mehta, Claudio Abbado e Yeuhudi
Menuhin, che l’ha definito “il più grande violinista della sua generazione”. Proprio a questo punto
della sua carriera, decide di affinare le sue competenze, iscrivendosi e laureandosi alla
prestigiosissima Julliard School di New York. Nel 2013 sperimenta anche il cinema, interpretando il
ruolo di Paganini nel film Il violinista del diavolo.

 

ph- Christoph Köstlin

Print Friendly, PDF & Email