sabato, Settembre 26Settimanale a cura di Valeria Sorli

Il covid19 rischia di annientare il mondo della musica

Artisti, musicisti, fonici e tecnici del suono. Il covid19 rischia di allontanare per sempre molti professionisti, annientando il mondo della musica
Eventi e concerti fermi fino a data da destinarsi, l’unica speranza arriva dalla tecnologia. Il progetto di David Carelse (ChitarraFacile.com) per sostenere chitarristi e tecnici, avvicinando le persone alla musica
Il lockdown imposto dal covid19 ha, di fatto, paralizzato gran parte dell’industria dell’intrattenimento e degli eventi. Concerti, spettacoli teatrali, serate di ogni sorta continueranno ad essere vietati nella Fase 2, in attesa che le cose cambino, facendo perdere gli ingaggi ad artisti, musicisti, fonici e tecnici del suono, molti dei quali sono, di fatto, rimasti senza lavoro.
Un momento difficile per tante persone, che non sanno quando potranno riprendere la propria attività lavorativa. Alcuni di loro, cercheranno un nuovo lavoro in questi mesi di stop, finendo, in alcuni casi, per abbandonare per sempre la propria arte.
“Io suono da quando avevo 10 anni, conosco bene il mondo della musica e come può essere economicamente incerto e discontinuo per molte persone. Caratteristiche che in questi mesi di pandemia sono state decisamente accentuate. – Ha commentato David Carelse, noto divulgatore, didatta della chitarra e fondatore del portale ChitarraFacile.com – Nelle ultime settimane mi era capitato di parlare con amici e colleghi che lavoravano molto con eventi e concerti, e che ora sono a casa senza possibilità di guadagno, e hanno dovuto mettersi alla ricerca di altro. Una scelta dettata da ovvie necessità economiche, ma che potrebbe allontanare per sempre dei grandi talenti dalla scena musicale. Fortunatamente, la scuola di ChiatrraFacile.com non ha subito arresti, poiché già prima utilizzavamo tecniche mediate dalla tecnologia, e questo mi ha permesso di mantenere tutti i miei collaboratori e di inserirne qualcuno in più in questo periodo difficile.”
ChitarraFacile.com è un portale di corsi che segue i principi della teoria del flusso dello psicologo ungherese Mihály Csíkszentmihályi, per insegnare a distanza a suonare la chitarra (classica, metal, finger style…), ma anche di argomenti più tecnici, come l’home recording e il senso del ritmo. Obiettivo di Carelse è sempre stato quello di promuovere l’amore per la musica, per questo sin dal principio alcuni dei corsi base sono sempre stati gratuiti.
Oggi sono molti i professionisti che fanno parte del grande progetto lanciato da David Carelse, ognuno con una propria storia e un proprio percorso professionale, che in questi momenti di lockdown sta subendo una battuta d’arresto importante.
Tra loro anche Dennis Giorgi, un musicista e fonico da studio, che ha visto sospendere la produzione di molti brani in programma, poiché non è più possibile continuare le registrazioni in studio. “Conosco molti musicisti, insegnanti e tecnici del suono che si sono visti scivolare dalle mani mesi di lavoro, senza alternative. Io devo ammettere di essere, tutto sommato, abbastanza fortunato. La collaborazione con David per me è molto importante, e riesco a portare avanti anche alcuni lavori in post-produzione. La cosa, però, che mi pesa di più è aver dovuto sospendere il lavoro con le band in cui suono. Abbiamo lavorato per mesi preparando uno spettacolo da far girare durante l’estate, e purtroppo dovremo attendere diversi mesi prima di poter salire su un palco” spiega Dennis.
Nella squadra di Chitarrafacile, anche Nik Carraro, chitarrista blues e insegnante di chitarra. “Ciò che mi ha salvato in questi mesi difficili è che già da qualche anno ho fatto sì che il mio lavoro fosse incentrato principalmente sulle collaborazioni con le scuole di musica, tra le quali Chitarrafacile, e non solo sulle esibizioni. Ancora per molto tempo, non sarà possibile né tornare nelle classi, né salire sui palchi, per questo oggi il mio lavoro di insegnante si incentra tutto tramite Skype e altre chat. Con la scuola di David Carelse, questa modalità era già all’ordine del giorno, quindi oggi mi trovo ad avere già dimestichezza con questi strumenti e a soffrire la situazione meno di altri colleghi” dice Nik.
Esperto di teoria musicale e funky music, anche Luca Marinelli. “In questo periodo, per chi opera nel nostro campo, l’unico modo per continuare a lavorare è attraverso piattaforme quali Zoom e Skype, e con la produzione di video corsi, come quelli che sto realizzando per Chitarrafacile. La situazione che stiamo vivendo oggi conferma l’idea che ormai il musicista deve cercare di non essere più ‘soltanto un musicista’, ma dovrebbe acquisire anche altre competenze come quelle legate alla produzione di audio e video. Dobbiamo riconoscere tutti quanti che siamo stati agevolati dalla tecnologia nel vivere una situazione così complicata. Se questo fosse accaduto 10, 15, o 20 anni fa continuare a lavorare grazie alle piattaforme che abbiamo oggi a disposizione sarebbe stato impensabile e molti di noi avrebbero subito uno stop totale” commenta Luca.
Nella foto David Carelse
Print Friendly, PDF & Email