mercoledì, Ottobre 5Settimanale a cura di Valeria Sorli

Guerra in Ucraina- Aprire corridoi per gli animali in fin di vita- La richiesta LNDC e OWAP alla Russia

LNDC ANIMAL PROTECTION E OWAP

CHIEDONO ALLA RUSSIA DI APRIRE CORRIDOI UMANITARI 

PER GLI ANIMALI IN FIN DI VITA

 

La richiesta congiunta è arrivata oggi sulle scrivanie

 dell’Ambasciata della Federazione Russa in Italia 

per permettere il soccorso degli oltre 500 cani e gatti rinchiusi senza acqua né cibo 

nel Canile di Borodyanka.

 

Milano, 16 marzo 2022 – Nella giornata di oggi, LNDC Animal Protection e One World Actors Productions Animal Rescues/OWAP, ente no-profit francese che opera in Paesi ad alto rischio come Yemen, Thailandia e Cambogia, hanno firmato una lettera congiunta indirizzata all’Ambasciata della Federazione Russa in Italia.

 

Le due Associazioni animaliste chiedono al Presidente Vladimir Putin, al Ministro della Difesa della Federazione Russa Sergej Šojgu, al Ministro dell’Ecologia Dmitrij Kobylkin e ad ogni ufficiale e comandante in grado di aiutare, la possibilità di garantire un corridoio umanitario tra il distretto di Borodyanski e Kiev, al fine di autorizzare la Direttrice dei Servizi veterinari di Kiev, dott.ssa Natasha Mazur, e i suoi volontari ad accedere al Canile municipale Borodyanka che ospita oltre 500 cani e numerosi gatti abbandonati a sé stessi e chiusi nelle gabbie senza acqua né cibo dal 27 febbraio scorso. In sintesi si chiede ai soldati russi di liberare gli animali dalle gabbie e far sì che la Direttrice stessa del canile, insieme ai volontari, possano soccorrere cani e gatti in fin di vita.

 

Questa ennesima azione è in linea con quanto fatto fino ad ora da LNDC Animal Protection per far fronte all’emergenza in corso, una situazione drammatica dove gli animali si ritrovano ad essere vittime, insieme a tutta la popolazione ucraina, di un grave conflitto. L’Associazione ha infatti inviato a Kiev dieci tonnellate di generi di prima necessità (cibo e medicinali salvavita) destinati agli animali del canile gestito dalla dott.ssa Mazur ed è disponibile, nel momento in cui fosse possibile portare questi cani e gatti in Italia, ad accoglierli presso le proprie strutture. L’Associazione ha inoltre attivato punti raccolta presso molte delle sue Sedi sparse sul territorio italiano per invitare i cittadini a donare generi di prima necessità in aiuto agli animali ucraini. Sempre sul territorio italiano, LNDC Animal Protection si è resa disponibile ad aiutare i profughi ucraini in arrivo con animali al seguito, in termini di cibo e cure.

 

Print Friendly, PDF & Email