martedì, Gennaio 31Settimanale a cura di Valeria Sorli

Calendarea 2023- Il calendario di Inarea dedicato a “Flora & Fauna”

Calendarea, il calendario di Inarea, impresa leader nel brand design, dedica il 2023 al tema “Flora & Fauna”: composizioni realizzate con fiori freschi, che si trasformano in altrettanti, simpaticissimi, animali. L’appuntamento col calendario, che si ripete ogni anno dal 1991, si è rilevato ancora una volta una sorprendente prova di creatività, firmata coralmente dai designer Inarea.

Fondata nel 1980, con Calendarea la società ha dato vita a un vero e proprio club, che conta ormai nel mondo ben 16.000 collezionisti.

 

2023

Stando alle previsioni, il 2023 non si presenta con prospettive particolarmente rosee. Inarea è, però, una società che da oltre quarant’anni opera nel campo del design e non può rinunciare a una materia prima fondamentale, come l’ottimismo. Così, nonostante l’incertezza dei tempi e le nubi che sembrano addensarsi sul futuro, propone un calendario in cui il sole splende su tutti i 365 giorni perché il domani non può che essere luminoso. È un’idea che dà energia, proprio come fa la natura, in un’epoca dove la transizione ecologica è molto più di una parola d’ordine.

Calendarea 2023 vuole perciò celebrare il “divenire” verso tempi e mondi migliori, proprio attraverso gli elementi più belli della natura: la flora e la fauna.

“Flora & Fauna” è appunto il titolo di questa edizione del calendario e ogni mese, attraverso una composizione fatta realmente di fiori freschi, prende vita – è il caso di dire – la sagoma di un simpatico animale.

La grammatica visiva è quella consueta che definisce la cifra stilistica di Inarea: comporre tra loro oggetti (in questo caso i fiori) che hanno un nesso funzionale tra loro e, attraverso la composizione, danno vita a forme sorprendenti, estranee nel significato, ma sempre coerenti nella percezione. E a stupire in questo calendario è la straordinaria affinità che si “legge” nelle immagini tra la materia prima impiegata e la figura rappresentata. È proprio la “Terra che ride attraverso i fiori”, per usare le parole di Ralph Waldo Emerson, a ispirare sorrisi e, si spera, ottimismo per il futuro.

 

Calendarea

Calendarea, d’altro canto, ha la missione di trovare una vita nuova – nel senso di forma e significato – a quegli oggetti che di solito riempiono il panorama quotidiano di tutti e che vengono usati, ma molto spesso non notati. Così, dal 1991, i designer di Inarea scompongono questa porzione distratta della realtà, per ricrearla in un altro modo. Progettare vuol dire gettare avanti e la sfida creativa che si rinnova di anno in anno è proprio una singolare miscela di sintesi e ironia.

Perché strappare un sorriso quando, anche distrattamente, ci si imbatte in una di queste pagine è sempre un buon viatico per cominciare una nuova giornata.

Calendarea ha visto crescere la cerchia dei propri collezionisti nel mondo: erano 1.500 i destinatari della prima edizione del 1991, sono 16.000 quelli delle ultime sette. Non è un oggetto in vendita, ma lo si può avere anche sotto forma di app gratuitamente (Calendarea, su Appstore e su Google Play).

 

Inarea

Inarea è una realtà italiana e indipendente, con oltre quarant’anni di esperienza internazionale nel campo del design. Una storia professionale che ha integrato nel tempo diverse discipline di progetto, che convergono per valorizzare l’identità di un’impresa, di un prodotto o di un servizio.

Inarea è leader nel campo del brand design: portano la sua firma, tra gli altri, i marchi di Angelini Industries, di ACI, della Biennale di Venezia, del Coni, di Confindustria, dell’Eni, della Fondazione Cariplo, di Italgas, dell’Università Luiss, di Casa Milan, di Oregon Scientific, di Snam, di Webuild. Tra le realizzazioni “storiche”, il quadrato rosso della Cgil e la farfalla della Rai.

Print Friendly, PDF & Email