domenica, Settembre 15Settimanale a cura di Valeria Sorli

Auguri amata Raffaella: a raccontare comincia tu

 

Tutti sappiamo che per essere ballerini, cantanti o attori, bisogna studiare sodo, quindi non ci si può improvvisare. Per intervistare, non dovendo studiare, pensiamo che possano farlo tutti. Proprio non è così, difatti i personaggi TV che hanno il talento di entrare in simbiosi, intrecciando un colloquio distensivo, con l’ospite e il pubblico, sono davvero pochi. Un nome su tutti lei, la più amata dagli italiani, non per titolo ma per sondaggio: Raffaella Carrà.

La più grande donna di spettacolo che l’Italia vanta nel mondo, chiamarla show-girl nell’anno due punto zero, sarebbe davvero riduttivo. La Carrà è un’artista a tutto tondo che nella sua carriera ha girato il mondo, dispensando energia allo stato puro, attraverso i suoi brani, i suoi balli e il suo essere.

Premi di ogni tipo, dischi d’oro e onorificenze piovono da quel 69 ad oggi, si susseguono con ogni diversa motivazione, lei accetta, ringrazia e guarda avanti. Sempre con la sua umiltà, sempre pronta a scrivere un’altro pezzo di storia, sempre pronta a divertirsi e incuriosire.

Come lei stessa dice, oltre al talento e allo studio, per potersi affermare ci vuole anche un pizzico di fortuna. Studiando il fenomeno Carrà, certamente la sua ha dei nomi: nonna Andreina, Gianni Boncompagni, Sergio Japino, i Vergottini, Corrado Colabucci e Luca Sabatelli. Insomma, un’insieme di personalità che hanno apportato quelle caratteristiche che, mischiate alla sua esplosiva energia, hanno creato la più grande show woman mai esistita al mondo.

Da quei tre minuti di “Io Agata e tu” a “Fantastico 3”, la Carrà in TV, come sui palcoscenici di tutto il mondo è la show girl a tutto tondo, con una carriera che nessuna mai ha eguagliato. Dobbiamo giungere all’ottobre del 1983 per ammirarne le doti anche come intervistatrice. Tale prodezza si verifica grazie al “geniale-mostro” Gianni Boncompagni. Così la Carrà appare in TV e parla, s’aggira nello studio, tra tavolo, divano, scrivania, terrazzo, chiamandolo casa. Gli Italiani sono contenti e per la prima volta ammirano Raffaella seduta in divano che chiacchiera. “L’operazione” della prima casa TV, fece il pieno di spettatori, arrivando con punte fino a 12 milioni. Per Raffaella è la consacrazione definitiva quale donna pioniera di una TV finora fatta da uomini. Ed è proprio qui, al culmine di un successo, studiato da psicologi di mezzo mondo, che Raffa appare ritratta, in copertina, tra il presidente Sandro Pertini e Papa Giovanni Paolo secondo, quali personaggi più amati dagli Italiani.

Da quel “Pronto Raffaella..”? la bionda più scatenata della TV ha intervistato centinaia di ospiti. Politici, attori, sportivi, reali, cantanti, gente comune, perfino Madre Teresa di Calcutta. Ha l’abilità di mettere a proprio agio il suo ospite, non è aggressiva, ne invadente e soprattutto non è furba. Vuole divertirsi e divertire, semplicemente chiacchierando, non cerca nulla se non fare in modo che il suo interlocutore porti fuori il suo io, con poche domande, dosate da una forte e naturale complicità.

Ed eccoci al 4 Aprile, nuovo progetto, altra rete, altre storie, da vera artista il trito e ritrito l’annoia, lei ha bisogno di cambiare, mettersi in gioco e soprattutto incuriosire il pubblico. Noi prediligiamo appieno questa filosofia e abbiamo preparato la poltrona, ogni giovedì su Rai Tre alle 21,20, in punta di piedi ci lasceremo guidare dall’inarrestabile voglia CarrA’. Semplicemente per ascoltare quattro chiacchiere tra amici a casa loro e non in uno studio. Si parte dall’incontro con Fiorello, poi Sophia Loren, Riccardo Muti, Maria De Filippi, Leonardo Bonucci e Luca Zingaretti.

Chi la conosce bene sa che, prima di ogni nuovo inizio, ama sentirsi dire auguri, non potevano mancare quelli della gente che piace e dei suoi lettori.

Print Friendly, PDF & Email