venerdì, Giugno 5Settimanale a cura di Valeria Sorli

Mimì- Il ricordo di un fan

Sono trascorsi 25 lunghi anni dalla scomparsa di Mimì- Ricordo come se fosse oggi quel giorno, era una domenica come tante, senza pensieri, ma purtroppo arrivò la triste notizia come un fulmine a ciel sereno e per me fù un immenso dispiacere. I miei ricordi mi riportarono indietro nel tempo a Cardano al Campo e a quel Sanremo dove cantò ” E non finisce mica il cielo”. La potenza, l’energia, la sua magia e quel  carisma che lei trasmetteva era una  cosa rara e tutt’oggi difficile da trovare. Era un’ icona, una musa ispiratrice!       Di lei si diceva  di ogni…beh, io ho partecipato a numerose gare canore, vincendo sempre con i suoi brani. “Notturno” resta per me il suo ricordo più intenso. Dopo la sua dipartita è stata osannata da tutti, anche da chi ne ha parlato male. Ero presente al suo funerale e non scorderò le tante lacrime vere di chi l’ha davvero amata tanto e di chi invece, in quella occasione, parecchi artisti presenti,  dispensavano autografi. “Minuetto” “Gli uomini non cambiano” “La nevicata del 56″ “Padre davvero” e ” Donna”, sono dei veri capolavori che infondono emozioni che mai saranno dimenticate. “Mimì sarà” , scritta per lei da De Gregori è da ascoltare, per  conoscerla un po’ di più!

Ciao Mimì e grazie! Giorgio Mengato

Print Friendly, PDF & Email