mercoledì, Ottobre 23Settimanale a cura di Valeria Sorli

Ivan Cottini: L’estate di un malato che sfida la vita

La maggior parte delle persone non vede l’ora che arrivi l’estate per crogiolarsi al sole e sfoggiare un’abbronzatura perfetta. In realtà ci sono estati parallele sicuramente più silenti, ma in secondo piano, quelle di alcuni malati come me.  Io ho l’ansia quando sento nell’aria l’arrivo dell’estate, già da fine maggio sono sempre attento a guardare il meteo e le temperature.

Come le marmotte che vanno in letargo in inverno, io mi annullo e durante il giorno e vivo   il più possibile in casa, infatti per chi da sempre mi segue, avrà visto che non ho fatto tv e solo tre eventi serali nel mese di luglio. Le alte temperature mi provocano continui giramenti di testa e rischio di cadere a terra, per non parlare delle continue terapie alle quali mi sottopongo.

Purtroppo il caldo afoso e queste insopportabili temperature non vanno di sicuro in vacanza! Insomma, la mia è un’estate di imprecazioni e soprattutto di tante negazioni.  Non poter andar al mare con mia figlia Viola come un padre normale, perché tra i farmaci in circolo, pressione bassa e cortisone, la spiaggia per me, potrebbe essere proprio “l’ultima spiaggia”.

Quando vedo mia figlia divertirsi al mare con altre persone che non sono io, credetemi, è veramente logorante, però questa è la mia estate; si vive al calar del sole e questo lo sapevo già, quindi, quando mi vedete scrivere tornerà l’inverno non mandatemi a quel paese!

Comunque questa ve la voglio raccontare; vi ho detto che vivo la mia estate attaccato al meteo e la prima giornata sotto i 25 gradi, nuvolosa e nella fascia oraria libera che avevo, “perché purtroppo noi malati viviamo anche di fasce orarie tra una terapia e l’altra”, insieme alla mia bambina Viola e al mio costumino intero, ci siamo fatti accompagnare da mia mamma nella piscina vicino a casa mia. Quelle sono state le due ore più belle di questa estate 2019. Però tutto sommato io e Viola, in costume abbiamo fatto la nostra bella figura!

Print Friendly, PDF & Email