venerdì, Dicembre 3Settimanale a cura di Valeria Sorli

Ginevra Di Marco- Mi sono innamorato di te

È una Ginevra Di Marco insolita e fortemente interprete quella che emerge dal video di Mi sono innamorato di te, secondo estratto dell’album Quello che conta. Ginevra canta Luigi Tenco on air da mercoledì 14 aprile.

 

Immersa in atmosfere eleganti e un po’ retrò che riportano agli anni 60, sempre accompagnata dai complici Francesco Magnelli e Andrea Salvadori, Ginevra Di Marco interpreta una donna distratta, languida e dall’aria superficiale, in bilico tra la noia del “non avere niente da fare” e il desiderio di un amore che non riesce a trattenere tra le dita. In questa prova Ginevra Di Marco restituisce questo immaginario al meglio, aggiungendo alle doti di interprete musicale quelle di attrice.

 

Come sottolinea la stessa Di Marco: “Un brano che da sempre mi ha suggerito un senso di ossessione. L’arrangiamento della canzone e l’idea del video nascono dalla riflessione sul rapporto amoroso, quello fatto di dipendenza, possesso, frustrazione, illusioni, comportamenti manipolatori. L’amore tossico che pervade e avvelena.

 

La location scelta contribuisce a questo immaginario: siamo nel laboratorio alchemico di un profumiere, dove essenze e fragranze dai nomi misteriosi sono contenuti in bottiglie dalle forme curiose, che l’artista maneggia come pedine di un’immaginaria partita a scacchi con la propria vita.

 

Mi sono innamorato di te, con la regia di Andrea Salvadori, on air dal 14 aprile, è il secondo estratto di Quello che conta, in cui Ginevra Di Marco fa sue le canzoni di Tenco, vestendole con un nuovo abito musicale: un delicato equilibrio che non tradisce lo spirito originale ma lo rinnova, permettendo sempre all’essenza più profonda delle canzoni di affiorare. Ginevra Di Marco non vuole “ricantare” Luigi Tenco, ma ne rilegge la musica con gli occhi dell’oggi e della sua storia artistica.

GINEVRA DI MARCO è una delle più raffinate interpreti del panorama italiano.

La sua esperienza spazia dalle sonorità trasversali e ricercate dei CSI, di cui era una della anime e con cui ha condiviso dieci anni di storia artistica, alla world music, fino alla rilettura di alcuni dei nomi del cantautorato italiano. La sua ricerca – costante – è guidata dall’istinto e dalla voglia di esplorare, di riportare alla luce, di dare nuova vita. Come un’esploratrice della musica, Ginevra scende là dove non va nessuno per riportare alla luce rarità: gioielli tanto misteriosi quanto straordinari, che con la sua voce ritrovano linfa e vitalità.

Tra le numerose collaborazioni di questi anni non si possono dimenticare quelle con Margherita Hack, con Luis Sepúlveda e Carmen Yanez, con Cristina Donà, il progetto permanente Stazioni Lunari (con Cisco, Cristiano Godano, Simone Cristicchi, Giovanni Lindo Ferretti, Teresa De Sio, Piero Pelù, Morgan, Paola Turci, Brunori Sas, Carmen Consoli e Max Gazzè), ma anche quelle “a distanza” mediate solo dal tempo con Mercedes Sosa, Violeta Parra, Domenico Modugno e oggi Luigi Tenco.

Tra i riconoscimenti ricevuti il Premio Ciampi nel 1999 e il Premio Tenco vinto nel 2000, 2009 e 2017.

Nel suo percorso artistico Ginevra continua ad incrociare volti, suoni, memorie, e fa suoi canti in lingue diverse, si confronta con artisti del panorama nazionale e internazionale in un continuo scambio musicale e umano.

 

FRANCESCO MAGNELLI, pianista, compositore e arrangiatore, fa parte della storia artistica di gruppi come Litfiba, CCCP e CSI per i quali ha composto e arrangiato molte canzoni. Finito il percorso con il Consorzio Suonatori Indipendenti, ha ideato Stazioni Lunari, spettacolo musicale itinerante al quale prendono parte ogni volta autori e musicisti sempre diversi, che interagiscono tra di loro in una fusione musicale che travalica stili e generi. È produttore artistico dei dischi di Ginevra Di Marco per la quale ha curato sempre gli arrangiamenti e il profilo artistico, in una comunione di pensiero e di progettualità che li vede insieme dal 1993.

 

ANDREA SALVADORI, è un musicista trasversale, eclettico e di rara sensibilità, capace di spaziare dai palcoscenici dei concerti a quelli teatrali. Dal 1999 lavora con Ginevra Di Marco e coproduce i suoi lavori. Tra le sue collaborazioni infatti si trova quella con la Compagnia della Fortezza di Volterra, diretta da Armando Punzo, la più prestigiosa e longeva esperienza di teatro-carcere, di cui Salvadori è drammaturgo musicale. Nel 2018 ha vinto il Premio Ubu per il miglior progetto musicale con Beatitudo.

Print Friendly, PDF & Email