venerdì, Giugno 14Settimanale a cura di Valeria Sorli

GAMeC Bergamo | Pensare come una montagna

Biennio 2024-2025

PENSARE COME UNA MONTAGNA

Un programma biennale diffuso sul territorio della Provincia di Bergamo, che coinvolgerà in modo partecipativo le comunità locali riflettendo sui temi della sostenibilità e della collettività, insieme ad artisti internazionali.

Il 16 maggio l’opening dei progetti di Sonia Boyce, Lin May Saeed, Studio Ossidiana in collaborazione con Frantoio Sociale, Chiara Gambirasio e Mercedes Azpilicueta.


La GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo è lieta di annunciare Pensare come una montagna: un programma culturale diffuso che, a partire dal 16 maggio 2024 e per il biennio successivo coinvolgerà, oltre agli spazi museali, il territorio della Provincia di Bergamo, con l’intento di creare un percorso di condivisione di esperienze artistiche volte a riflettere sui temi della sostenibilità e della collettività.

Il programma prevede il coinvolgimento, in due anni, di venti tra artisti o gruppi di artisti, operanti in diversi contesti geografici e culturali, nella progettazione e realizzazione di un programma diffuso di eventi condivisi con le comunità locali, tra interventi nello spazio pubblico, performance collettive e laboratori creativi.

I primi artisti protagonisti del biennio sono Sonia Boyce, Lin May Saeed, Studio Ossidiana in collaborazione con Frantoio Sociale, Chiara Gambirasio e Mercedes Azpilicueta, impegnati a Bergamo, Dalmine, Brembate e Castione della Presolana.

Pensare come una montagna è un’espressione coniata dall’ecologo e ambientalista americano Aldo Leopold nel suo libro A Sand County Almanac (1949). Nel contesto del progetto della GAMeC l’espressione di Leopold si fa interprete della volontà di adottare un punto di vista alternativo – da “una certa distanza” – sulla società e sul nostro operare, per alimentare, nel contesto territoriale, una fascinazione per la Terra e una sensibilità ambientale evoluta e partecipata.

Il territorio in cui il progetto intende svilupparsi è un contesto variegato dove paesaggi naturali e aree urbane altamente industrializzate convivono all’interno di un complesso ecosistema: dai massicci del ventaglio prealpino, ai rilievi inferiori delle valli bergamasche, fino ai boschi cittadini del Parco dei Colli di Bergamo e alle zone fluviali e agricole della Bassa Bergamasca.

Le realtà imprenditoriali del territorio saranno fortemente coinvolte al fine di creare una rete di realtà produttive sostenitrici dell’industria culturale e di valorizzare le persone, i saperi e i processi da cui nascono le eccellenze dei prodotti manifatturieri e industriali.

Pensare come una montagna sarà accompagnato da una rivista online che raccoglierà testi critici, reportage e contributi audiovisivi prodotti dai gruppi di lavoro, spaziando dalle arti contemporanee al design, dall’architettura all’agricoltura, dalla geografia umana all’antropologia, la cui sede sarà all’interno della GAMeC.


SONIA BOYCE

BENEVOLENCE

Sala delle Capriate, Palazzo della Ragione, Bergamo Alta

17 maggio – 22 settembre 2024

Sonia Boyce (Londra, 1962), vincitrice del Leone d’Oro all’ultima Biennale di Venezia (2022) con il Padiglione della Gran Bretagna, svilupperà in occasione di Pensare come una montagna un progetto site-specific per la Sala delle Capriate di Palazzo della Ragione, dal titolo Benevolence.

La sua pratica artistica, che da sempre affronta temi quali l’identità, le dinamiche sociali, la differenza culturale e marginalizzazione, si è sviluppata nel tempo in una modalità sempre più partecipativa, coinvolgendo il pubblico in situazioni talvolta giocose, talvolta provocatorie.

Per Benevolence, Boyce si è avvicinata al territorio bergamasco e alla sua storia concentrando la propria attenzione sui canti popolari, in particolare sui canti degli Alpini, nati durante la Prima Guerra Mondiale all’interno del corpo di fanteria di montagna, e sui canti della resistenza come Bella Ciao, divenuto, dopo la Seconda guerra mondiale, simbolo di tutte le forme di resistenza nel mondo.

Per la realizzazione dell’opera Boyce ha avviato una collaborazione con alcuni studenti dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “Gaetano Donizetti” di Bergamo, invitati, lo scorso autunno, a esibirsi in canzoni popolari della montagna dai balconi di tre edifici che si affacciano su Piazza Vecchia. I filmati realizzati in quell’occasione, che colgono anche le reazioni imprevedibili dei passanti ignari della performance, saranno presentati nella Sala delle Capriate nella forma di un’unica opera ambientale.


LIN MAY SAEED

GAMeC, Bergamo

17 maggio – 22 settembre 2024

Nell’ambito del progetto Pensare come una montagna e in tandem con la nona edizione della Biennale Gherdëina, curata da Lorenzo Giusti, sarà presentata, in contemporanea a Bergamo e a Ortisei, una mostra antologica dedicata al lavoro di Lin May Saeed (Würzburg, 1973), artista tedesca scomparsa lo scorso agosto.

May Saeed ha dedicato la propria ricerca all’empatia con il mondo animale, al superamento del conflitto tra l’essere umano e le altre specie, immaginando un futuro utopico di coesistenza, liberato dai principi di sfruttamento e sopraffazione.

La sua pratica, che spazia dalla scultura al bassorilievo, dal disegno alla carta intagliata, prediligendo spesso il polistirolo, si concentra sulla produzione di opere popolate da animali di diverse provenienze geografiche e da figure umane tratte da storie, favole e miti, creando narrazioni interculturali e interspecie che si proiettano in un futuro comune alternativo.

L’allestimento nello Spazio Zero della GAMeC si concentrerà su figure animali– tra cui cani, pangolini, pantere, iene, vitelli, formichieri e sciacalli– e conferirà enfasi alla centralità che l’artista intende restituire loro in contrapposizione alla condizione di subalternità a cui l’umanità li ha relegati. Rappresentati attraverso sculture e bassorilievi in scala reale, gli animali divengono protagonisti assoluti nello spazio espositivo in qualità di individui dotati di una propria psicologia, e non di oggetti.


STUDIO OSSIDIANA

in collaborazione con Frantoio Sociale

MASSI ERRATICI

GAMeC, Bergamo

Dal 17 maggio 2024

Nella primavera del 2024 la GAMeC presenterà al pubblico il progetto Massi Erratici, sviluppato da Studio Ossidiana in collaborazione con Frantoio Sociale, che riconfigurerà gli spazi di accesso al museo attraverso superfici e volumi modulari pensati per accogliere molteplici attività.

Questi “sassi” contemporanei si muoveranno come un tangram che si ricombina, a seconda delle necessità, in disposizioni ordinate o casuali, formali o informali, introducendo nell’utilizzo dello spazio museale un elemento di gioco derivato dalla modularità dei pezzi. Massi Erratici si sviluppa su diverse scale, impostate a partire da un modulo base. Ai moduli massicci si accompagnano tendaggi semitrasparenti, in un gioco di pesi e tattilità alterne, a memoria di un’altra grande tradizione industriale bergamasca, quella del tessile.

Il lavoro di Studio Ossidiana combina pigmenti, pietre, sabbia e cemento circolare in rapporti diversi. In questa occasione, l’approvvigionamento avverrà su base locale e gli artigiani del territorio saranno coinvolti nella lavorazione, al fine di attingere alla lunga storia produttiva dell’area orobica riducendo al contempo costi ed emissioni legate al trasporto. Grazie alla collaborazione con Frantoio Sociale – un progetto di ricerca itinerante di Studio GISTO + Hund Studio – i materiali di scarto verranno convertiti in nuove materie prime per la produzione degli elementi, rendendo così la demolizione una pratica collaborativa che genera un processo circolare di valorizzazione.

Massi Erratici è tra i progetti vincitori della prima edizione dell’avviso pubblico Architetture Sostenibili per i luoghi della cultura, programma di ricerca promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura per promuovere l’architettura contemporanea italiana, con l’obiettivo di contribuire alla realizzazione di uno sviluppo globale più sostenibile. La Fondazione Architetti Bergamo e l’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Bergamo sono partner di progetto.


CHIARA GAMBIRASIO

Dal 17 maggio 2024

In occasione di Pensare come una montagna, l’artista Chiara Gambirasio (Bergamo, 1996) presenterà un intervento partecipativo in collaborazione con la Fondazione Dalmine, nata per iniziativa di TenarisDalmine con l’obiettivo di promuovere la cultura industriale a partire dalla conservazione e valorizzazione dell’archivio storico dell’impresa attraverso mostre e eventi, seminari e momenti formativi che interessano famiglie, studenti e istituzioni educative, appassionati ed esperti del territorio.

Il tempo vacuo, di fronte cui la montagna inevitabilmente ci pone, sarà uno dei punti di riflessione condivisa con i partecipanti per creare un ponte tra il mondo del fare e il mondo dell’essere. L’esito di questo percorso condiviso sarà presentato a Castione della Presolana, in alta Val Seriana, nei pressi dell’ex colonia di TenarisDalmine. L’opera potrà qui dialogare con il contesto naturale in cui sarà inserita, e in particolare con la luce e le condizioni atmosferiche, elementi imprescindibili con cui i lavori di Chiara Gambirasio entrano costantemente in relazione, sottolineandone la mutevolezza.

Vuoto e colore costituiscono il focus della ricerca di Gambirasio, tanto che l’artista ha coniato il termine Kenoscromìa (dal greco Kenos, vuoto, e Kromìa, colore) per descrivere la vibrazione cromatica del e nel vuoto, laddove il vuoto è lo spazio delle potenzialità e il colore è il mezzo attraverso cui percepire intuitivamente e soggettivamente il mondo. Vuoto e colore diventano quindi per l’artista due condizioni in cui “risiedere” per imparare a sentire oltre l’immediatamente percepibile: il cosmo e l’interiorità, ma anche il tempo geologico inafferrabile dalla memoria.


MERCEDES AZPILICUETA

Dal 17 maggio 2024

Mercedes Azpilicueta (La Plata, 1981) sarà ospite della terza edizione di ON AIR – Argentina-Italia Art Residency. La residenza, che si terrà nel 2024 presso la GAMeC, avrà come esito la realizzazione di una nuova performance che si concentrerà sui temi della sostenibilità e della partecipazione, fulcro del programma biennale. In particolare, l’azione performativa avrà luogo presso l’Oasi della biodiversità di Nuova Demi a Brembate, nella periferia bergamasca: un’oasi naturalistica che si distingue per la diversità della fauna e della flora che la abitano, ed è al centro di un progetto di ricomposizione e recupero ambientale operato dall’azienda Nuova Demi in seguito alla storica attività estrattiva di ghiaia e sabbia. L’Oasi, normalmente chiusa al pubblico, resterà aperta in occasione della performance.

Artista visiva e performer, argentina di nascita e residente ad Amsterdam, Mercedes Azpilicueta è solita collaborare con archivi, biblioteche, storici, danzatori, designer tessili, urbanisti, per dare vita alle sue installazioni stratificate in cui arazzi, sculture autoportanti, video, oggetti e materiali di recupero si mescolano a elementi architettonici senza soluzione di continuità.

Le opere di Azpilicueta attraversano la storia e la geografia per dare voce a figure inascoltate e dissidenti del passato, storie, miti e leggende attraverso cui esplorare le qualità affettive e la dimensione politica del linguaggio e della voce, i processi alla base della formazione della memoria culturale e della costruzione del genere e della soggettività.


Pensare come una montagna è un progetto di GAMeC

Direzione artistica: Lorenzo Giusti

Associate Curators: Sara Fumagalli, Marta Papini

Head of Magazine: Valentina Gervasoni

Print Friendly, PDF & Email