martedì, Luglio 14Settimanale a cura di Valeria Sorli

PRIMAPAGINA

PRIMAPAGINA

Alviero Martini: Mosca prima e dopo

Alviero Martini: Mosca prima e dopo

Alviero Martini, PRIMAPAGINA
  “A Mosca, a Mosca”…. scrive Anton Čechov, ormai prossimo alla fine, alla moglie prima di lasciare l’esilio di Jalta, riprendendo l’eterna invocazione delle sue “Tre sorelle”. “A Mosca! A Mosca!” invoca tra sé la giovane finlandese creata dalla penna di Rosa Liksom a conclusione del lungo racconto dal titolo cechoviano “Scompartimento n.6.” La capitale russa ricorre nell’opera come centro del mondo, mèta agognata, punto di partenza che segna a un tempo la fine, luogo di tormentati affetti e passioni e soprattutto oggetto di malinconica, irreparabile nostalgia. La melanconia essendo, per i finnici, condizione ineludibile dell’individuo nella sua solitudine, epitome della sua capacità di sentire, di amare e di soffrire sprofondando in se stesso. “A Mosca,  a Mosca” era anche
Cinema: Green book

Cinema: Green book

CINEMA, PRIMAPAGINA
Regia: Peter Farrelly Anno: 2018   E' stato il film che ha trionfato, forse un po' inaspettatamente, alla 91esima premiazione degli Oscar, avvenuta a Los Angeles lo scorso 24 febbraio. Gli ingredienti per una bella storia, tra l'altro basata su fatti realmente accaduti, ci sono tutti. Nell'America degli anni '60 non è facile essere un uomo di colore, anche se si è un benestante ed acclamato pianista. Lo sa bene Don Shirley (Mahershala Ali), che è alla ricerca di un autista bianco che lo accompagni in auto in un tour che attraversa il profondo e pericoloso Sud degli Stati Uniti, dove sono ancora in vigore severe segregazioni razziali. Tony Vallelonga (Viggo Mortensen) è un italo-americano che lavora come buttafuori in un night club di New York ed è famoso nell'ambiente per la
Luca Abete: Il mio super potere? Il sorriso della gente!

Luca Abete: Il mio super potere? Il sorriso della gente!

PRIMAPAGINA, VIP
È un uomo dalle mille risorse, un po’ irriverente ma un concentrato di simpatia e dolcezza. È proprio il suo segno zodiacale, la bilancia, che fa di lui un’equilibrista della sua vita, sempre pronto a mettersi in gioco e a posizionare al proprio posto ogni cosa nel modo giusto. La sua grande abilità nel destreggiarsi lo ha fatto diventare uno dei volti più seguiti e amati della Tv: Luca Abete, volto storico di Striscia la Notizia, l’inviato a cui piace tastare le cose da vicino e raccontarle senza filtri! Luca però, di cose nel suo cilindro magico ne sforna davvero tante. Ideatore e testimonial del Tour universitario #NonCiFermaNessuno, partito da settembre 2014 dall'università La Sapienza di Roma e tuttora con grande successo, tocca gran parte delle città italiane, stimolando e coinvo
L’albergo diffuso: Una nuova offerta del settore turistico

L’albergo diffuso: Una nuova offerta del settore turistico

HOME STAGING, PRIMAPAGINA
  Emozioni e tradizioni si fondono nel nuovo concetto di albergo diffuso che sta nascendo in alcuni borghi del nostro Bel Paese. Il territorio italiano, con la sua varietà paesaggistica ricca e articolata, si presta particolarmente ad accogliere questa nuova forma di ricettività turistica. L'albergo diffuso nasce per ridare nuova vita a quei luoghi ricchi di storia e tradizione, ma abbandonati e destinati a essere dimenticati. La caratteristica principale di questo tipo di ospitalità consiste nell'avere le camere e tutti i servizi dislocati in diversi edifici vicini tra loro: si trasforma così l'intero borgo in albergo. Le  strade diventano i corridoi dell’albergo, le piazze i disimpegni e le facciate delle case gli elementi decorativi. In questo modo si offre al turi
Renato Russo: El Matador della bellezza

Renato Russo: El Matador della bellezza

PRIMAPAGINA, VIP
  Anni fa è stato uno dei corteggiatori a Uomini e Donne: da lì Renato Russo ha presenziato a decine di eventi e serate, ha realizzato alcune puntate di uno show sulla cucina, è stato in giuria a numerosi concorsi di bellezza. Lo scorso 9 febbraio il suo nome è apparso tra i giudici della prima edizione  di Miss Festival Film Argentina, un nuovo concorso che ha raggruppato 20 splendide ragazze da tutto il Paese per eleggere il volto che rappresenterà l’Argentina all’imminente Film Festival di Cannes, oltre ad essere il trampolino di lancio per diversi eventi collaterali. Ciao Renato,  raccontaci di questa esperienza: per la prima volta il tuo nome appare in un evento d’Oltreoceano! E’ stato bellissimo e veramente ben organizzato. Mi hanno invitato in giuria proprio per la
Alviero Martini: Destinazione Miami

Alviero Martini: Destinazione Miami

Alviero Martini, PRIMAPAGINA
  "Destinazione Miami” è la storia di una famiglia modenese che, presa la decisione di compiere il giro del mondo in barca a vela, realizza un grande sogno. Il progetto di attraversare l’Oceano con l’idea di tornare a “casa”, si trasforma in un radicale cambiamento di vita, che nulla sottrae all’importanza delle amate radici. Monica e Marco Bruzzi, con le figlie Lucia, Chiara e Anita, raccontano la loro storia con naturalezza ed entusiasmo. Ascoltarli è come assistere alla proiezione di un film in cui, fino alla fine ci si immedesima nei protagonisti, che esprimono un caleidoscopio di emozioni. Sullo sfondo, Miami, una città che in alcuni angoli conserva ancora la sua identità anni ’80, tempi in cui era rinomata per essere un posto di villeggiatura per anziani, assolato e ca
Tre indirizzi insoliti per ammirare la fioritura dei ciliegi a Tokyo

Tre indirizzi insoliti per ammirare la fioritura dei ciliegi a Tokyo

ATTUALITA', PRIMAPAGINA
A Tokyo si avvicina il periodo perfetto per ammirare: tutti conoscono la tradizionale usanza giapponese dell’hanami - termine che significa letteralmente “guardare i fiori” - ma pochi sanno quali sono gli indirizzi segreti per godersi questo magico spettacolo in città. Ecco alcuni consigli da veri insider per dedicarsi all’hanami in posti insoliti, lontano dalla folla e dai soliti cliché: Showa Memorial Park: in questo enorme parco posizionato nella zona occidentale di Tokyo sono presenti oltre 1.500 esemplari di sakura, gli alberi di ciliegio, che si uniscono ai tulipani e ai fiori di canola, in un tripudio di colori. Grazie alla vastità dell’area verde i visitatori possono scegliere il proprio angolo preferito per godersi un pic-nic all'ombra dei sakura in fiore, secondo la tradizio
Flavio Massimo: Un pubblico al… Massimo!

Flavio Massimo: Un pubblico al… Massimo!

PRIMAPAGINA, VIP
  Avete notato come all’ultimo Festival di Sanremo il pubblico dell’Ariston fosse particolarlemente “attivo”? Le standing ovation per Loredana Bertè, così come gli applausi, i fischi, le contestazioni e le manifestazioni di affetto hanno rotto l’immagine ingessata e glaciale del pubblico in sala, oltrepassando la reazione di semplici applausi composti. Dietro le reazioni, le “hola” con cellulari accesi, le interazioni c’è stato il volto di Flavio Massimo, attore e in questo caso “scaldapubblico”, presente già all’edizione 2018 e parte attiva in diversi programmi RAI. Napoletano doc, carismatico e dal cuore grande, Flavio è sicuramente un personaggio che piace. Flavio, quando nasce la tua passione per il mondo dello spettacolo? Ho sempre avuto una grande passione per la TV
Pronto, mamma’ ?

Pronto, mamma’ ?

Alviero Martini, PRIMAPAGINA
  “PRONTO Mamma’?, siccome che devo fa la tinta, che me consigli, biondo cenere o miele di castagno, che fa sempre fine?” è solo una delle domande che la sora Cecioni fa alla madre, in una lunghissima e strabiliante carriera di attrice comica. Lei è Franca Valeri, pseudonimo di Franca Maria Norsa ,è l'attrice e sceneggiatrice italiana, di teatro e di cinema, più amata dal pubblico di tutte le età, nota anche  per la sua lunga carriera di interprete caratterista in campo cinematografico e teatrale. Grande appassionata di opera lirica, nella sua lunga carriera si è dedicata anche alla regia operistica. Tra i miei mille mestieri prima di diventare noto come stilista, mi sono  cimentato anche nell’arte della recitazione, ed ho già raccontato più volte del mio debutto nel modo
Ivan Cottini: Io danzo per la vita

Ivan Cottini: Io danzo per la vita

Ivan Cottini, PRIMAPAGINA
In un mondo dove ormai tutti vogliono essere influencer, rap, trap ,tip e tap, io voglio mettermi in questa sfida narrativa e provare a raccontarvi com’è difficile vivere da malato ribelle molto fuori dagli schemi. Insomma, andando molto contro corrente,"perché detto fra noi", a me di far il malato classico fermo, a casa a grattarmi, osservando il mondo che corre da seduto, non mi va' proprio. Forse sarò egoista a pensare solo a danzare e stupire le persone con quello che faccio, mettendo in secondo piano la mia salute. Anche se dovrei preservare la mia salute per mia figlia Viola e per tutta la mia famiglia che se amo tantissimo. Pochi giorni fa sono stato all’ospedale di Ancona e nascondendomi in una stanza, ho voluto fare una sorpresa ad una mamma che lotta al fianco della figlia da