giovedì, dicembre 13Settimanale a cura di Valeria Sorli

Giorno: 3 settembre 2018

Cindy, Liz and me

Cindy, Liz and me

Alviero Martini
1992, Chicago. Ci troviamo in una bella camera all’Hotel Four Seasons. Sono le ore 5,45 del mattino…squilla il telefono, “Hello darling, are you ready?” rispondo: “Sure, I’m”, certo! Ero sveglio già da 1 ora, doccia, preparare la valigia per l’ennesima trasferta, vestito dopo aver visto il meteo che in febbraio da quelle parti può essere anche molto freddo, ma per fortuna quel giorno erano previsti solo 12 gradi e dove ci saremmo recati addirittura era prevista una fredda giornata, ma soleggiata.  Dunque, la mia dolce assistente Laura W. mi dà appuntamento al bar  della reception, aveva preordinato la colazione visto che a quell’ora la caffetteria era ancora chiusa, e dopo un caffè, un toast, waffles, e marmellata, saltiamo sul primo taxi per l'aeroporto! Destinazione Minnea
Ivana Spagna: Gente come noi… che piace!

Ivana Spagna: Gente come noi… che piace!

VIP
Stupenda, dolcissima, bellissima: è Ivana Spagna, un nome cult nella musica leggera italiana e non solo.  Icona della dance, interprete raffinata, cantautrice camaleontica, autrice di successo anche in libreria (ricordiamo il suo recente best seller Sarà capitato anche a te). Spagna è un’artista unica che ha saputo reinventarsi di continuo, anche con scelte coraggiose. Gente come noi, vincitrice morale del Festival di Sanremo nel 1995 è tra le più belle canzoni della musica italiana, nonché una hit perfetta per la nostra intervista: Gente come noi… che piace! Raggiungiamo Spagna telefonicamente: è sempre meravigliosamente disponibile, nonostante sia sotto una potente cura per preservare la voce da raffreddore e mal di gola tra una data e l’altra di un fittissimo tour lungo la Pen